GT Sprint: gara 2

La Mercedes #90, con Baruch e Segú, trionfa in Gara 2.
From Aci Sport

Grandissima partenza della Mercedes #90 che riesce a tenere la posizione sulla Audi R8 LMS, mentre la Honda NSX perde due posizioni dopo un errore alla prima Lesmo. Anche Vilander con la Ferrari #21 non parte benissimo e perde una posizione.

Subito dopo la partenza, la Safety car esce dai box per un incidente fra la Porsche Cyman e la BMW e per la vettura #223 che si ferma vicino alavuto un problema tecnico durante le primissime fasi della gara. La Mercedes riesce a partire bene anche dopo l’uscita della Safety Car e riesce ad imporre il suo ritmo.

Negli ultimi 5 minuti di gara, la battaglia per la vittoria finale si accende quando Mercedes perde ritmo ma soprattutto fatica a doppiare le GT4 PRO-AM E AM. La Lamboghini e la Honda riprendono terreno sul leader. Questo comunque non preoccupa l’israeliano Bar Baruch. Vince così la seconda gara del campionato Sprint. Al secondo posto, la Audi e terza la Honda.

Nel GT3PRO vince la Audi R8 LMS #12 che arriva anche al secondo posto assoluto a 2 secondi dal vincitore della gara. Al secondo posto la Lamboghini Huracán #63, di Frassineti e di Luca Ghiotto. A completare il podio l’altra Audi, la #14 guidata da Mancinelli e Postiglione.

GT3 PRO-AM vince la Mercedes #90, oltre a vincere la gara in assoluto. Gara dominata dall’inizio fino alla bandiera a scacchi, secondo con la Honda NSX, di Guidetti e De Luca, che tenta invano di superare, durante tutto i 50 minuti di gara, la vincitrice del GT3PRO, la Audi #12.

Zanotti vince la categoria del GT3AM con la #77 Honda NSX. Al secondo posto la Ferrari 488 Evo, del team Kessel racing, di Cuhadaroglu e di Schiró. Completa il podio la seconda Ferrari, la #51 della AF Corse, che è partita dal fondo della griglia e ha dovuto compiere una gara di attacco.

In GT Cup, dominio assoluto della Ferrari #355 guidata da Webster e Linossi che non viene mai contrastata dai suoi diretti avversari e che compire una gara intelligente, senza battagliare inutilmente con macchine più veloci della sua. Al secondo posto la Lamboghini Huracán #351, con Pijl e Vairani. Al terzo invece la Lamborghini #399 del team Italy con Dionisio e Barri alla guida.

Le Porsche 718 Cayman #251 e #252, del team Ebimotors, fanno doppietta nella categoria del GT4 PRO-AM. La Mercedes #228 del team Nova Race si deve accontentare dell’ultimo gradino del podio.

Le Mercedes #207 e la #275, del team Nova Race invece fanno doppietta nella categoria GT4 AM. Sul gradino più basso del podio la Porsche 718 Cayman #275 del team Autorlando.

È stata una giornata entusiasmante con le due gare del GT Italiano in poche ore. La prossima gara sarà a Pergusa, per l’inizio del campionato Endurance.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.