Formula 1
Le Pagelle: Gran Premio di Azerbaijan

Le Pagelle: Gran Premio di Azerbaijan

Vettel e Gasly fenomenali, Ferrari anonima e Mercedes bocciata.

Che Gran Premio, quello tenutosi a Baku in Azerbaijan, questo weekend! Questo tracciato cittadino, è risaputo, riserva sempre grandi sorprese e vari sconvolgimenti (al di là dell’effetto soporifero che ha da sempre sugli spettatori). Ma, questo è certo, non ci aspettavamo davvero così tanti colpi di scena e un podio così atipico. Well done Baku.

Se vi siete persi il GP potete recuperare il nostro report della gara o leggere qui sotto le nostre pagelle per vedere i voti che abbiamo assegnato a ognuno.

Lewis Hamilton, Voto: 4

Prove libere al di sotto delle aspettative, qualifiche decisamente meglio ma gara da dimenticare. Tralasciando la testa del Gran Premio persa quasi subito in favore di Verstappen, l’errore commesso alla ripresa della gara post bandiera rossa è stato quello di un principiante e non di un pluricampione. Sbaglio che ha reso vana la fortuna di poter tornare leader del mondiale.

hamilton baku mercedes
Photo by Clive Rose via Getty Images

Valtteri Bottas, Voto: 4-

Se già in casa Mercedes si stavano facendo due domande su di lui, decisamente adesso non possono fare altro che chiedersi cosa non stia funzionando nell’ultimo periodo. Ok, il Q3 è stato interrotto e non ha potuto migliorare il suo tempo. Ma con lui anche tutti gli altri piloti. Magari dati i precedenti poteva tentare subito un giro migliore. Conclude dodicesimo dietro a entrambe le Alfa Romeo: non ci siamo.

Max Verstappen, Voto: 8

Tanta sfortuna per l’olandese che stava per portare a casa una meritata vittoria anche questo weekend. Problemi alle gomme e una gara che sembrava essere già scritta si ribalta completamente. Si schianta a pochi chilometri dalla fine e si dispera per la leadership del mondiale persa. Disperazione che dura poco grazie all’errore commesso da Hamilton poco dopo.

max verstappen Gran Premio Azerbaijan pagelle
Photo by Clive Rose via Getty Images

Sergio Pérez, Voto: 9

Un pizzico di fortuna ma anche tanta bravura quella dimostrata da Perez in questo GP. Finalmente all’altezza del compagno di squadra, restando sì sempre dietro alla monoposto di Max, ma per fare da scudo in modo da tenere lontano dalla vetta Hamilton. A guadagnare dagli errori del britannico e di Verstappen è lui, che alla fine della settimana porta a casa la sua prima vittoria stagionale e in assoluto la prima in compagnia della squadra austriaca.

Lando Norris, Voto: 7-

Penalità iniziale con conseguente partenza da tre posizioni indietro. Parte malissimo transitando in dodicesima posizione ma non si abbatte e ne recupera anche di più di quelle perse, grazie anche ai vari ritiri. Dopo la bandiera rossa fa un buonissimo lavoro, merito forse dell’atmosfera da Sprint Race che gli avrà ricordato l’anno in Formula 2. Per poco non sorpassava pure Leclerc.

Daniel Ricciardo, Voto: 6-

Altra gara poco brillante per il pilota australiano che mostra sempre più quanto stia faticando con la nuova vettura. Qualifiche pessime e gara che, forse all’inizio, ci ha dato l’impressione che qualcosa potesse invece essere scattato. Arriva a punti ma non è un risultato così confortante dati tutti i DNF.

Lance Stroll, Voto: 7+

Protagonista di una grandiosa rimonta, paga però l’aver tenuto troppo lo stesso set di pneumatici quando una delle gomme posteriori gli cede esplodendo portandolo a schiantarsi. Un vero peccato questo ritiro.

Sebastian Vettel, Voto: 9-

Che piacere rivedere Vettel sul podio! Magnifica prestazione e risultato meritatissimo. Dopo una bella gara anche a Monaco tutti aspettavano di vedere cosa ci avrebbe regalato a Baku ed effettivamente non ci ha deluso. Qualifiche ostacolate e partenza fuori dalla Top10. Non si è minimamente scoraggiato l’ha dimostrato arrivando solo alle spalle di Perez!

sebastian vettel podio baku
Photo by Clive Rose via Getty Images

Esteban Ocon, Voto: N.C.

Il francese guadagna una posizione all’inizio ma pochissimo tempo dopo è costretto al ritiro a causa di problemi al motore. Non possiamo dargli un voto.

Fernando Alonso, Voto: 7

Se la prima parte del fine settimana non è stato dei migliori per lo spagnolo (nonostante la costante superiorità su Ocon), ci hanno pensato i due giri finali della gara di domenica a migliorarlo per davvero. Dopo la bandiera rossa riparte decimo ma riesce a concludere in sesta piazza superando Tsunoda, Ricciardo e Sainz.

Charles Leclerc, Voto: 6

La sufficienza, nonostante il quarto posto, non sarebbe da dare. Però sabato ha conquistato la pole con un giro grandioso dimostrando anche come in qualifica la Ferrari (almeno nei circuiti cittadini) abbia recuperato il gap con i top team. Come pronosticato non riesce a mantenere la testa della gara e nemmeno a restare in zona podio. Nonostante gli ultimi due giri sprint non è in grado di riprendersi la posizione su Gasly.

Carlos Sainz Jr, Voto: 5,5

Ultimamente sfortunato in qualifica, lo spagnolo in rosso commette anche un errore dopo il primo pit che lo trascina in bassa classifica. Riesce a recuperare bene ma non benissimo. Termina ottavo ma poteva fare molto di più.

Pierre Gasly, Voto: 8,5

Qualifiche fenomenali e gara altrettanto fantastica. Dopo un inizio stagione sotto le aspettative la scuderia romagnola si sta riprendendo e l’ottimo risultato ottenuto da Gasly a Baku ne è la conferma. Discreto passo gara che gli ha permesso di restare sempre poco più indietro dei più competitivi e di poter sfruttare a suo vantaggio gli errori commessi da loro.

pierre gasly alphatauri podio baku
Photo by Dan Mullan via Getty Images

Yuki Tsunoda, Voto: 7+

Dati i pessimi risultati di tutte le gare precedenti al Bahrein, questo per il giapponese classe duemila è decisamente un fine settimana da non buttare via! Bene nelle prove libere e altrettanto in qualifica, è stato un piacere vedere che sia riuscito nuovamente ad andare a punti. Non fa errori ma sul finale viene superato da un Alonso inarrestabile.

Kimi Raikkonen, Voto: 7

Se due settimane fa a punti ci è andato il suo compagno di squadra, questa volta a Baku non poteva che finirci lui. Non commette errori in gara e si trova anche a combattere e sorpassare, come ai vecchi tempi, una Mercedes. Queste sì che sono soddisfazioni.

Antonio Giovinazzi, Voto: 7-

Dopo le qualifiche rovinate da una monoposto mandata malamente a muro, Giovinazzi ci stupisce con una partenza delle sue e recuperando posizioni su posizioni. Nel corso di una rimonta durata tutto il corso della gara porta a casa, come il compagno di team, pure un sorpasso su Bottas. Conclude undicesimo, a un passo dalla Top10.

Haas, Voto: 6

I risultati decenti dei due piloti Haas Schumacher e Mazepin (e quelli pessimi delle Williams) riportano la squadra statunitense al nono posto nella classifica costruttori e ottengono quello che probabilmente sarà uno dei risultati stagionali migliori per il team.

George Russell, Voto: 6-

Gara anonima per l’inglese. Nulla di spettacolare, né in negativo né tantomeno in positivo. A fine gara, poco prima della ripartenza, per un problema alla sua vettura è anche obbligato a ritirarsi.

george russell williams Gran Premio Azerbaijan pagelle
Photo by OZAN KOSE/AFP via Getty Images

Nicholas Latifi, Voto: 6-

Il canadese è la vera vittima delle penalità di questo Gran Premio dell’Azerbaijan. Domenica tranquilla mandata in fumo da un malinteso con un ingegnere simile a quello di Norris in qualifica. Solo che a Latifi non costa posizioni in griglia ma secondi preziosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.