Home » Formula 1 » Le Pagelle del GP di Arabia Saudita

Le Pagelle del GP di Arabia Saudita

Dopo nemmeno 4 mesi la Formula 1 è tornata a correre in Arabia Saudita per una gara sul tanto veloce quanto pericoloso circuito di Jeddah. Momenti di abbiocco e momenti di tachicardia si sono susseguiti nella serata di domenica e in caso ve li foste persi in vostro soccorso arrivano il nostro report e le pagelle dei piloti!

Lewis Hamilton, Voto: 5,5

Inconsueto decimo posto per il pilota inglese, complici la pessima qualifica di sabato (peggiori di questa era da tanto che non ne faceva) ma anche una Mercedes ancora poco performante. Si aspettano i prossimi gran premi per capire davvero il potenziale della vettura ma questi primi due weekend indicano che a Brackley c’è tanto lavoro da fare.

George Russell, Voto: 7+

Per la prima volta in carriera George riesce a concludere la propria gara in Mercedes mettendosi alle spalle il proprio compagno di squadra (ricordiamo Sakhir 2020 in cui terminò nono dietro Bottas e lo scorso weekend dove non è riuscito ad arrivare a podio come Hamilton). Qui in Arabia ha fatto il suo dovere e non poteva ambire a molto di più.

by georgerussell63 on twitter

Max Verstappen, Voto: 9

Grande gara del campione del mondo in carica. L’olandese, che partiva dalla quarta piazza, allo spegnimento dei semafori senza troppa difficoltà riesce a portarsi davanti alla Ferrari di Carlos Sainz. Grazie alle safety riesce poi a ridurre il gap con l’altra rossa di Leclerc e dopo una lunga sessione di duelli al cardiopalma riesce finalmente a pochi giri dal termine a prendersi l’agognata leadership.

Sergio Perez, Voto: 8–

La tradizione che vede la gara successiva alla propria prima pole position persa in partenza il povero Checo sperava di averla spezzata quando per tutta la prima parte di GP era riuscito a mantenere con facilità il comando iniziando anche ad ampliare il proprio distacco su Leclerc. Entrare ai box prima del monegasco non è stata di certo la decisione migliore presa negli ultimi tempi in casa RedBull e il messicano ne ha pagato le conseguenze.

Carlos Sainz Jr, Voto: 7,5

Un altro weekend da non buttare assolutamente quello di Sainz, che su due gran premi riesce a centrare ben due podi. Peccato per la posizione persa in partenza su Verstappen, anche se il team austriaco c’è da dire che fosse quasi su un altro livello.

Charles Leclerc, Voto: 8,5

Fenomenale anche Leclerc, nonostante il secondo posto che forse può bruciare un po’ al monegasco. Come la scorsa settimana anche stavolta è riuscito a regalarci in compagnia di Max una serie di sorpassi tutt’altro che scontati. Ha gestito la situazione egregiamente ma nulla poteva sconfiggere l’olandese là in Arabia. D’altro canto ha avuto la prima SC a suo favore, non poteva agevolarlo anche la seconda no?

Lando Norris, Voto: 7

Discreta gara per l’inglese che finalmente riesce a conquistare qualche punto su una McLaren che sembra proprio non voler andare… A causa della Safety era precipitato alle spalle di Ricciardo ma dopo il suo ritiro e quello degli altri usciti al 37° giro riesce a rientrare in zona punti e per un pelo non supera anche Ocon sul finale della gara.

by @mclarenf1 on twitter

Esteban Ocon, Voto: 7-

Dopo un asprissimo duello fra lui e il compagno di squadra in casa Alpine Fernando Alonso il francese sembrava essersi smarrito nelle retrovie. Vari ritiri e cedimenti gli han permesso di rientrare in Top10 e fino all’ultimo riesce a proteggere la propria sesta piazza dalle grinfie di Norris.

Pierre Gasly, Voto: 6,5

Questa domenica è stata lui l’unica forza della scuderia di Faenza. Se lo scorso weekend causa problemi avevamo visto Tsunoda portare a casa una manciata di punti, questa volta invece il giapponese non ha preso parte ne alle qualifiche del sabato ne tantomeno al GP di Arabia. Pierre ha quindi fatto il suo nel tentativo di raccogliere più punti possibili per l’Alpha in un fine settimana in cui come la Haas poteva contare solo su una vettura.

Williams, Voto: 4

Con i due DNF portati a casa dai piloti la Williams non naviga decisamente in acque tranquille. Albon non si applica particolarmente per tutta la sua durata in pista mentre Latifi ne combina una delle sue e stravolge la gara del pilota fino a quel momento leader del GP.

by williamsracing by twitter

Guanyu Zhou, Voto: 5

Questa domenica la collezione di qualsiasi penalità immaginabile ha deciso di farla il nostro rookie. Guanyu non solo parte male, ma addirittura nel tentativo di recuperare il terreno perso infrange qualche regola e becca qualche secondo da scontare di qua e di là. Un po’ dispiace perché aveva chance di arrivare in zona punti.

Kevin Magnussen, Voto: 7

Anche in Arabia Magnussen si conferma un pilota validissimo per la Haas che, nonostante ieri abbia preso parte alla gara con una vettura in meno, ha comunque portato a casa più punti di quelli che si sarebbe sognata di fare l’anno scorso in 22 gare.

Bottas, Ricciardo, Alonso: N.C.

Fra i ritirati di giornata figurano il finlandese, l’australiano e lo spagnolo. Tutti e tre (quasi) accomunati dal ritiro avvenuto attorno al trentasettesimo giro e da una gara che fino a quel momento sembrava star andando per il meglio. Bottas avrebbe concluso in zona punti per il secondo GP consecutivo, Alonso pure e anche Ricciardo probabilmente. Peccato.

alpine arabia alonso
by alpinef1team on twitter

Gaïa Vanucci

Frequento il quinto anno di Liceo Scientifico e sono appassionata di Motorsport: principalmente qui parlo di Formula 1, di Formula 4 Italiana e di Formula Regional Mediorientale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto