Home » Formula 1 » (S)pain GP: la sventura spagnola

(S)pain GP: la sventura spagnola

La Formula 1 torna in Spagna, con gioia di ben pochi, siccome il circuito iberico è uno dei tracciati più odiati dai fan, almeno da quanto si legge sui social media. I pochi ad essere contenti sono Fernando Alonso e Carlos Sainz, che però concluderanno anche loro il Gran Premio con gioia limitata. Andiamo per ordine però e riassumiamo insieme, facendoci due risate, la gara spagnola. Riassunto GP Spagna

Un via ingannevole

Charles Leclerc scatta dalla pole position e via, come il vento! Vive la sua gara in solitaria e nessuno si cura più di lui…Nemmeno la sua macchina, che infatti lo lascia a piedi, con immensa gioia dei tifosi olandesi che hanno occupato il circuito come i liceali usano fare con le loro scuole a maggio. La fortuna inizialmente non sorride però al pilota olandese, che passa un intero Gran Premio a litigare con i proprio DRS e nemmeno a Hamilton va tanto meglio e il sette volte campione del mondo chiede il ritiro al proprio team.

George Russell: il formidabile intrattenitore

Il Gran Premio di Spagna non è certo conosciuto come l’appuntamento più divertente dell’anno, ma Russell ha provato a intrattenere per un po’ il pubblico. Mentre Verstappen premeva il bottone del DRS nello stesso modo con cui sbatto il telecomando della televisione sul divano quando non funziona, Russell si godeva la sua seconda posizione, muovendosi a destra e a sinistra e aggrappandosi con le unghie e con i denti a quel podio.

Riassunto GP Spagna
@F1HQ_

La svolta

Verstappen, intento a maledire la propria vettura, si ritrova primo in classifica. Forse non si è nemmeno accorto della breve disputa con Perez o del fatto che Russell l’avesse lasciato libero. Per lui, conta solo il DRS al momento. Nel frattempo anche Hamilton si è ripreso e se inizialmente aveva chiesto il ritiro, ora recupera posizione dopo posizione. Per utilizzare un’altra metafora scolastica, il Sir pilota della Mercedes si è comportato come il classico studente italiano che chiama casa – fingendo di star male – per saltare le ultime due ore di lezione di fisica, ma appena scopre dell’assenza del professore diventa la persona più sana del pianeta Terra.

Le grandi nemesi dei piloti

Sicuramente Lando Norris non si sarà goduto al massimo questa gara, con l’allergia che lo ha disturbato per tutta la durata del weekend e tanto di cappello al pilota inglese per essersi messo in macchina e aver anche conquistato buoni punti!

Come già citato, Sainz non è sceso dalla monoposto totalmente soddisfatto…Che il pilota numero 55 stia cercando di instaurare un profondo rapporto di amicizia con la ghiaia? Chi lo sa.

C’è poco da ridere…ma poco non è niente

Chi gioisce al termine di questo weekend? Verstappen, che torna a vincere in Spagna da campione del mondo e non più da giovane pilota inesperto (potete sentirvi anziani, sì); Perez, che lo segue a ruota e anche la Mercedes, il cui piano sembra funzionare. E’ sofferenza in casa Ferrari e Aston Martin e, ad essere onesti, per metà griglia.

Riassunto GP Spagna
@F1HQ_ on Twitter

Non abbiamo tempo però di rimuginare sugli errori e la sfortuna di oggi, il tempo vola e noi dobbiamo lasciare la Spagna e come direbbero a Barcellona…Vamos a Montecarlo!

Si chiude questo fine settimana iberico, da Mult1formula è tutto, ci vediamo a Monaco.

Olivia Carbone

Appassionata di sport, ha iniziato a scrivere per Mult1formula a novembre del 2020. Le piace il cinema e la geopolitica, ma è anche amante della letteratura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto