Home » Formula 1 » Le Pagelle del GP del Belgio

Le Pagelle del GP del Belgio

Il Gran Premio del Belgio 2022, a differenza di quello dello scorso anno, sicuramente è stato meno spensierato e tranquillo per qualsiasi pilota all’infuori di quelli Red Bull. Il triplo header di fine estate non poteva iniziare in altra maniera. Scopri quindi con i nostri voti del weekend come sono andati i piloti nell’ultimissimo GP di Spa.

Max Verstappen; Voto: 10

Quando hai una macchina e un talento del genere c’è poco da fare per contrastare un mostro (in senso buono) come Verstappen,. Ha stracciato chiunque in pista, anche Perez, e causa penalità addirittura non partiva dalla pole ma 14° nonostante fosse stato lui ad ottenere il miglior tempo. Non ci stupisce sapere che di qui a qualche GP potrebbe già mettere la firma su questo mondiale.

by redbullracing on twitter

Sergio Perez, Voto: 6,5

Ha fatto fatica (considerata l’auto su cui si trovava) ad arrivare davanti a Sainz, ha oltrepassato la bandiera a scacchi quasi 20 secondi più indietro di Verstappen ma nonostante tutto è arrivato non solo secondo: ha anche superato Leclerc nel campionato piloti. Niente male per aver svolto il solito compitino.

George Russell, Voto: 8-

Da vero pilota Mercedes quale è, in particolar modo sul finale, George non ci ha pensato due volte e con gran lena si è impegnato al massimo nel tentativo di impensierire Sainz e la Ferrari. Il podio questo weekend non l’ha raggiunto, ma giusto perché in qualifica la sua monoposto non è mai in forma smagliante.

Charles Leclerc, Voto: 6+

La pista di Spa- Francorchamps, in cui il Monegasco ha trionfato per la prima volta in carriera ormai 3 anni fa, non ha portato realmente fortuna a Leclerc. Quasi comico vedere come la visiera del casco rimossa da Verstappen sia andata precisamente a finire nella monoposto di quello che, qualche GP fa, era il suo diretto competitor. Il voto di questo GP in generale è stato però condizionato dall’errore di non rispettare i limiti di velocità in pitlane a fine gara, sosta a posteriori tranquillamente evitabile.

Carlos Sainz, Voto: 8

Meglio di così lo spagnolo poteva fare? Con la Ferrari che si ritrova a dover gestire in gara dubito. Sono stati inutili anche i pronostici legati alla temperature e la netta superiorità RedBull l’abbiamo notata tutti benissimo. Restano davvero degni di nota la partenza e la ripartenza post safety car, che Sainz azzecca ma che non sono abbastanza.

by scuderiaferrari on twitter

McLaren, Voto: 4

Ora più che mai la sempre più fondata voce secondo cui a sostituire Daniel in McLaren sarà il suo connazionale Piastri può apparire strana. Come si può pensare di rifiutare un sedile sicuro in Alpine in favore di una monoposto come questa, capace di farsi stracciare anche da una Williams?

Pierre Gasly, Voto: 7+

Se Pierre invece che partire dalla pitlane a causa di problemi alla monoposto, come il compagno di team e sventure Tsunoda, avesse iniziato il GP di Belgio dall’ottava posizione come stabilito il sabato chissà quanti punti sarebbe riuscito a portare a casa. Senza dubbio, come anche ribadito da lui, una delle sue gare più belle.

by AlphaTauriF1 on twitter

Sebastian Vettel, Voto: 7

L’Aston Martin in qualifica non è il massimo. A dirla tutta non è performante per niente e da mesi tutti se ne sono accorti. Vettel anche questo fine settimana è relegato in sedicesima posizione, ma dopo una partenza rocambolesca si ritrova in quinta. Non resta quinto, ma a fine Gran Premio è comunque ottavo, in zona punti a differenza di Stroll.

Alex Albon, Voto: 7,5

Alexander Albon da inizio anno è stato l’unico dei due piloti della scuderia di Grove a portare a casa dei punti. Era però dall’ormai lontano GP di Miami svoltosi ad inizio maggio che il pilota thailandese non faceva capolino in Top 10. E’ stato quindi un vero piacere rivederlo terminare in decima piazza, soprattutto dopo la grande prova di talento dimostrata anche in qualifica.

Haas, Voto: 4

Se una monoposto della Williams, team all’ultimo posto della classifica costruttori, riesce ad arrivare in top 10 mentre nessuna delle tue vetture ne è in grado qualche problemino c’è. Nessuno fra Kevin e Mick è riuscito a tirare fuori dalla propria Haas un po’ di quel potenziale che aveva tanto stupito ad inizio anno.

Lewis Hamilton & Valtteri Bottas, Voto: N.C.

I due piloti che fino all’anno scorso erano compagni di squadra in Mercedes sono stati i due ritirati di questo primo weekend post pausa estiva. Non molto diverse sono state le dinamiche che li hanno portati a concludere in anticipo le loro gare. Ma se il finlandese non è il colpevole del DNF della propria Alfa Romeo, lo stesso non si può dire dell’inglese, oggi più che mai artefice del proprio destino.

Gaïa Vanucci

Frequento il quinto anno di Liceo Scientifico e sono appassionata di Motorsport: principalmente qui parlo di Formula 1, di Formula 4 Italiana e di Formula Regional Asiatica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto