Home » Formula 1 » 10 cose che (forse) non sai su Monza

10 cose che (forse) non sai su Monza


È un tour de force quello che stiamo vivendo: tre week-end consecutivi. Questa volta saremo “a casa nostra”, a Monza.

  1. 99 anni portati bene.

 Ebbene sì, il circuito fu costruito nel 1922 in soli 110 giorni, un record, visti i tempi biblici di oggi. La sua costruzione fu voluta dall’Automobile club di Milano per festeggiare il 25° anniversario della fondazione.

  • Parata militare.

Durante la seconda guerra mondiale il circuito rimase inutilizzato. A conclusione del conflitto, nel maggio del 1945, sfilarono diversi carri armati in parata per festeggiare la vittoria degli Alleati.

Fonte: Monzasport
  • A Monza sin dal 1950.

Si è sempre corso qui il GP d’Italia tranne che nel 1980, quando l’evento si svolse ad Imola.

  • 1971, una gara al fotofinish.

Nel 1971 la configurazione della pista era diversa rispetto a quella odierna. Al traguardo arrivarono compatte 5 vetture: quella di Gethin, che, a seguito del controllo al fotofinish, si scoprirà essere il vincitore, precedendo di un centesimo Peterson; Cèvert di 9, Hailwood di 18 e Ganley di 61. Dunque 5 vetture tutte vicinissime e una vittoria assolutamente non scontata.

  • Vettel a Monza.

Lo storico tracciato italico ha visto trionfare per la prima volta un biondissimo Sebastian Vettel nel 2008.

Fonte: Sky Sport
  • Monza dallo spazio.

 Nel 2014 l’astronauta Reid Wiseman fotografò il circuito dalla stazione spaziale internazionale. Una prospettiva del tutto inedita!

  • La prima variante.  

È questa la frenata più dura di tutto il circuito, si passa, infatti, dai 362 km/h agli 82 in 159 metri.

  • 1961 incidente più grave della storia.

Il pilota Ferrari Wolfgang Von Trips uscì dalla parabolica investendo 15 spettatori.

  • Un titolo postumo.

Il pilota Rindt trovò proprio in questo autodromo la morte nel 1970. Era però in testa al campionato e nonostante la dipartita nessuno riuscì più a raggiungerlo. Fu l’unico campione del mondo postumo nella storia della F1.

  1. Albo d’oro.

I piloti con più vittorie in assoluto sono Michael Schumacher e Lewis Hamilton con 5, seguiti da Nelson Piquet con 4 e Juan Manuel Fangio con 3. Come scuderie, invece, stravince la Rossa, con ben 19 vittorie seguita dalle 10 della McLaren. A Monza trionfa la storia.

Federica Abonante

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto