Home » Formula 1 » Gp Abu Dhabi: Attenzione ai nuovi cordoli a piramide!

Gp Abu Dhabi: Attenzione ai nuovi cordoli a piramide!

cordoli Abu Dhabi
Formula1.it

La pista di Yas Marina ha subito un restyling che dovrebbe favorire i sorpassi e un tempo 15 secondi più veloce dello scorso anno.

Ciò che ha suscitato perplessità sono però i cordoli esterni scalinati, simili a quelli che a Losail avevano provocato dei problemi alle gomme e non poche forature durante la gara.

I tranelli in curva 5 e curva 9

Il primo tratto modificato è quello che comprendeva le curve 5, 6 e 7 ora trasformato in un unico rettilineo in uscita da curva 4 e in un’unica curva, la 5. All’uscita della curva si trovano i nuovi cordoli scalinati posti proprio sulla linea che di solito i piloti utilizzano per tirare fuori tutta la velocità dalla macchia.

Un’altra zona modifica è quella che una volta comprendeva le curve 11, 12, 13 e 14 oggi diventata curva 9. Anche in questo caso in uscita c’è un lungo tratto di cordoli scalinati che difficilmente i piloti riusciranno d evitare.

Il rischio non è solo per la tenuta delle gomme in gara, ma anche per i telai qualora i piloti andassero lunghi passando con il fondo della monoposto sopra il cordolo che è decisamente troppo alto, 7,5 cm.

Le dichiarazioni della Pirelli

Da indiscrezioni che arrivano dal paddock pare che la Pirelli non fosse a conoscenza dei cordoli fino all’arrivo ad Abu Dhabi e non è stata per nulla contente di questa scelta.

Ecco che cosa ha detto Mario Isola, il responsabili del reparto corse della Pirelli: “Non sono assolutamente tranquillo – ha detto Mario Isola -. Quei cordoli sono aggressivi in uscita di curva 5 e 9. Queste punte vanno a sollecitare lo pneumatico in maniera anomala. Un cordolo fatto in questa maniera sollecita la costruzione in modo strano, soprattutto se il pilota ‘salta’ al di là. In tal caso deve superare questa barriera di 7,5 cm. Che è smussata, sì, ma una macchina sviluppa carichi elevatissimi sulla gomma. Se carichi uno pneumatico con 1000 kg su una punta, non gli fai del bene. Può essere necessario aumentare la pressione: aiuta lo pneumatico e diminuisce la deformazione ma non è una soluzione al problema. Capisco che questi cordoli siano stati adottati per favorire il rispetto dei track limit ma non lo risolviamo mettendoci dei marciapiedi. Non possiamo permetterci che un Mondiale sia deciso da un problema per colpa dei cordoli. La preoccupazione è condivisa non solo da Mercedes e Red Bull, che tra l’altro temono anche di danneggiare il fondo della vettura o le ali“.

Pare proprio che questo mondiale sarà incerto fino alla fine e siamo sicure che anche la gara di Abu Dhabi ci regalerà non pochi colpi di scena.

Non ci resta che aspettare la gara di domenica!

Elisa Lecis

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto