Home » Formula 1 » F1 Bahrain : week-end da incubo per la Red Bull

F1 Bahrain : week-end da incubo per la Red Bull

La prima gara della stagione è stata un incubo da dimenticare in casa Red Bull. La scuderia di Milton Keynes ha infatti totalizzato zero punti a causa del doppio ritiro di Max Verstappen e Checo Perez.

Gara a secco di punti per Red Bull

Probabilmente non la domenica che il campione del mondo in carica si aspettava. La gara per Max Verstappen è iniziata in salita quando, dopo qualche screzio iniziale, si è reso conto di non riuscire a tenere il passo di Charles Leclerc. La situazione è peggiorata quando l’olandese ha lamentato un problema legato al malfunzionamento dello sterzo alla ripartenza, dopo la bandiera gialla causata da Pierre Gasly. Max ha provato a resistere, ma alla fine è stato costretto al ritiro. A fine gara è apparso molto deluso per la prestazione :“Sono ovviamente deluso, avremo potuto chiudere al secondo posto e sarebbe stato un buon risultato, per cui siamo nello scenario peggiore. Ad un certo punto era come se non arrivasse benzina al motore. Praticamente l’auto si è spenta senza che io potessi fare nulla“.

@MaxVerstappen esprime la sua delusione attraverso i social

A due giri dal ritiro di Verstappen e a tre dalla bandiera a scacchi cala la notte fonda sulla scuderia austriaca. Anche Checo Perez è costretto al ritiro, portando ai box con sé il terzo posto sul podio.

Corsa contro il tempo per risolvere i problemi

Si tratta di una situazione che ha destato lo stupore di tutti all’interno del circuito perché il progetto Red Bull sembrava tra i più affidabili e completi alla vigilia dell’inizio della stagione.

Il team principal Chris Horner ha affermato :Crediamo sia un problema legato alla pompa della benzina, ma dobbiamo smontare le monoposto per capire realmente cosa è accaduto“.

Bisognerà quindi aspettare un’analisi ufficiale della Red Bull per capire i reali problemi delle monoposto. La squadra di Milton-Keynes dovrà correre contro il tempo per eseguire le correzioni necessarie prima del GP dell’Arabia Saudita, che è ormai alle porte.

Elisa Lecis

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto