Home » Formula 1 » Podio canadese con sorrisi a 32 denti

Podio canadese con sorrisi a 32 denti

Domenica sera, il lavoro chiama: mi perdo il ritorno della Formula 1 in Canada. Qualifiche ricche di colpi di scena sul bagnato, aspettative di una gara coinvolgente… cosa può accadere? Aprendo i social, tra le prime cose che ho visto c’erano sorrisi. Quelli di chi è salito sul podio dopo una gara dal finale combattuto in cui era necessario tenere i nervi saldi, essere perfetti. Il sorriso di chi sapeva di essere il più veloce, e quel punto addizionale lo dimostra. Infine, di chi ha ritrovato il podio dopo la sofferenza sia fisica che mentale che ha preceduto questa gara. Un podio di persone che avevano tutte qualcosa per cui gioire.

Sorrisi che nascono dal sacrificio, dalla sofferenza.

Lewis Hamilton, raggiante

“È una sensazione travolgente a livello emotivo questo terzo posto. Fino ad ora ho sempre lottato con la macchina, e riuscire a conquistare un terzo posto oggi è per me un grandissimo successo.”

Lewis Hamilton, podio Canada GP Formula 1 2022
Fonte: Peter J Fox

Siamo sempre stati abituati a vederlo sul gradino più alto del podio, a segnare nuovi record, a scrivere la storia della Formula 1, che è strano vedere Lewis Hamilton con gli occhi lucidi di chi sul podio ci va per la prima volta. Non smette di sorridere, di festeggiare… è finalmente felice. Soddisfatto per essere tornato sul podio dopo un inizio di stagione per lui da dimenticare, si è risentito giovane come quei ragazzi con cui si trova a condividere il momento. Nonostante i dolori, nonostante la storia, Lewis è lì, raggiante, che sta vivendo e gustando la bellezza di essere lì.

Carlos Sainz, gioia a metà

Le cose sarebbero potute andare diversamente per Carlos Sainz. Con Charles fuorigioco poteva ottenere in Canada la sua prima pole position, la sua prima vittoria. Ecco perchè lo spagnolo sorride e festeggia un podio gioendo a metà. Poteva essere il suo momento in un 2022 in cui ha dovuto fare i conti con i guizzi di talento di un compagno di squadra che non si risparmia mai.

“Per la prima volta quest’anno mi sono sentito il pilota più veloce in pista. Avevo più ritmo, sentivo di poter spingere al limite. Ho rischiato tantissimo, ma non è bastato. Bella sensazione? Assolutamente, ma volevo vincere”.

Lo spagnolo ha messo in luce le sue grandi qualità, ammirate dai ferraristi nella passata stagione.

Carlos Sainz, podio Canada GP 2022
Fonte: ferrari.com
Max Verstappen, la gioia di chi vince per sè stesso

Ancora una volta ci sorprende, questo 25enne cresciuto per essere campione, con la sua serietà e la mancanza di entusiasmo, caratteristica che gli vediamo solo una volta sceso in macchina e disposto a tutto per vincere. Ma per se stesso, mica per battere i record degli altri. È entrato nella storia Max Verstappen: con le 26 vittorie diventa il nono pilota più vincente di sempre; lui però non è felice per questo. Gioisce perchè era ingiocabile, troppo forte per permettersi di sbagliare quando in palio c’è una vittoria; troppo pronto per Carlos, che ancora non ha esplorato il gradino più alto. Troppo pronto per tutti, troppo superiore in qualifica, troppo martellante in gara. Gioisce perchè è stato perfetto.

Max sfoggia il sorriso di chi è consapevole della sua forza, del suo talento. Quello di chi sa che in questo momento è superiore a tutti. Gioisce per questo, e può farlo.

Max Verstappen, podio Canada Gp Formula 1 2022
Fonte: Dan Istitene

Treccani offre questa definizione di gioia: “Intensa e piacevole emozione che si prova quando un fine, più o meno consapevolmente perseguito, viene raggiunto o un desiderio trova appagamento, e si manifesta di solito nell’aspetto esteriore della persona, talvolta con atti e comportamenti spontanei e liberatori”.

Verstappen, Sainz, Hamilton ci hanno regalato un podio ricco di gioia. Un podio di sorrisi, occhi lucidi, sguardi fieri consapevoli e soddisfatti dell’obiettivo raggiunto. Un podio in Canada per una Formula 1 con sorrisi a 32 denti.

“Noi, esseri finiti, personificazioni di uno spirito infinito, siamo nati per avere insieme gioie e dolori; e si potrebbe quasi dire che i migliori di noi raggiungono la gioia attraverso la sofferenza.”

CHICCO DI CAFFÈ

Varietà Arabica = Ha un gusto delicato ed aromatico, ed è caratterizzata da un contenuto di caffeina minore rispetto ad altre specie di caffè.

Fonte: cheamordicaffe.it

Un weekend di pausa in attesa del prossimo appuntamento: destinazione Regno Unito, arriva Silverstone! Nella speranza di vedere duelli più puliti rispetto allo scorso anno…

Intanto, se vi siete persi la 26esima vittoria di Max Verstappen in Formula 1 conquistata in Canada, leggete qui.

Continuate a seguirci sui nostri canali social: siamo su Twitter e Instagram. Ci trovate anche su Pinterest con tante nuove immagini. Su TikTok tanti video realizzati apposta per voi.

Anna Botton

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto