Home » Formula 2 » F2, Spielberg: il recap del weekend austriaco

F2, Spielberg: il recap del weekend austriaco

di Michele Massa

Aron per difendere la leadership in campionato, Hadjar per tentare di impensierirlo.
La F2 approda a Spielberg, al Red Bull Ring, per il settimo appuntamento della stagione.

F2, Sprint Race

Un sabato che vale già tanto, visto la griglia rimescolata che mai come stavolta può regalare tante occasioni interessanti. Davanti al palo c’è Bearman che è l’unica gioia di una Prema in piena difficoltà assoluta. Mentre Aron è chiamato a rimontare.

Pronti via i colpi di scena sono tanti

Partenza abbastanza movimentata con Bearman che gestisce bene la partenza dal palo uscendo da curva due in prima posizione. Nei primi giri il pilota Prema riesce a staccarsi da Marti arrivando quasi ai 3 secondi di distacco per poi vedersi risucchiare il suo gap in pochissime tornate. Mentre dietro si segnalano i recuperi di Aron e Bortoleto.

La battaglia è subito alle spalle delle posizioni da podio. A scagliare la prima pietra è Durksen che supera Barnard e sale in settima posizione, da dietro arriva come un fulmine Hauger che aggancia lo stesso Durksen e Bortoleto mentre Aron gestisce la terza piazza. Si presagisce un finale di gara molto divertente con le vetture che pian piano si avvicinano tutte nelle posizioni di testa.

La resa dei conti nel finale

Il primo colpo di scena nei giri conclusivi è tra Bortoleto e Hauger, con il primo che nel cercare di battagliare, uscendo dalla zona punti definitivamente. Davanti Marti prova a gettare il cuore verso l’ostacolo per la lotta alla vittoria ma Bearman gestisce e si porta a casa la vittoria della gara del sabato. Prima vittoria in F2 e un pomeriggio di sorrisi in Prema che dura poco guardando Kimi Antonelli in piena difficoltà (15esimo a traguardo).

F2, Feature Race: vince Bortoleto, incubo Prema

di Marika Taroni

Gabriel Bortoleto vince la Feature Race a Spielberg.
Impeccabile la condotta di gara per il pilota brasiliano che precede Colapinto e Hadjar.

Per il francese del team Campos, complice anche la penalità inflitta ad Aron, il weekend austriaco segna un importante passo in avanti in ottica campionato.
Solo nove punti dividono il duo di testa, mentre Bortoleto scala posizioni agguantando la terza posizione in classifica generale.

La sfortuna regna sovrana tra stalli e guasti

Domenica da dimenticare per il pole sitter, Dennis Hauger, che, complice uno stallo durante il giro di formazione, vede vanificata l’ottima qualifica del venerdì.
Ad accompagnarlo in pit lane per la partenza della Feature Race, Maini e Crawford, anch’essi protagonisti di un brusco rilascio della frizione con conseguente spegnimento del motore.

Credits: @Formula2
Credits: @Formula2

Continua il momento negativo per Maloney, ex leader del campionato.
Relegato in ultima fila, il pilota barbadiano stalla nel momento dello spegnimento dei semafori per poi ritirarsi qualche giro più tardi per un problema alla propria monoposto.
Il weekend austriaco segna così la sua uscita definitiva dalla lotta per il titolo.

La sfortuna sembra non voler abbandonare nemmeno il team Prema.
Kimi Antonelli, dopo un ottimo avvio di gara, spreca tutto nel momento del pit stop.
L’ennesimo errore nel rilascio della frizione gli costa lo spegnimento del motore nonché il rientro in ultima posizione ad una ventina di secondi dalla coda del gruppo.
Bearman, invece, è costretto al ritiro per un guasto alla vettura.

Quante penalità… e non per track limits!

È una pioggia di penalità, quella che scandisce la Feature Race di Stiria.

Arginato il limite dei track limits, è il taglio della linea bianca della pit lane ad assegnare cinque secondi aggiuntivi alla gara di Correa e di Fittipaldi.

Penalità inflitte anche a Stanek e al leader del campionato, Paul Aron, colpevole di un discutibile waving di troppo nel tentativo di difendersi dal ritorno di Hadjar – suo diretto contendente al titolo.

Mal di pancia in casa Campos

Ha molto da recriminare Pepe Martì, quarto al traguardo, per uno swap richiestogli dal team a favore del compagno di squadra, Hadjar.
Uno scambio di posizioni che espone lo spagnolo all’attacco di Colapinto, forte di gomme più fresche, e che gli costa infine il terzo gradino del podio su cui sale proprio Hadjar.

Credits: @Formula2
Credits: @Formula2

La Formula 2 torna in pista il prossimo weekend, a Silverstone per il terzo appuntamento di questo affollato triple header.

Multiformula

Multiformula è un blog nato nel 2020 per condividere la nostra passione per il motorsport, dare spazio a quelle categorie come le Feeder Series di cui si parla ancora poco e soprattutto abbattere i pregiudizi che si incontrano in queste categorie.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto