Formula 1
In Bahrain è già tempo di Pasqua

In Bahrain è già tempo di Pasqua

Hamilton vince, ma le sorprese sono altre

Questo primo Gran Premio di stagione (se vi siete persi qualcosa leggete qui) ci ha regalato molte emozioni. Abbiamo visto Lewis Hamilton e Max Verstappen affermare la loro velocità ed i giovani fare scintille fin da subito. E se il buongiorno si vede dal mattino, sono sicura che i nuovi arrivi sapranno dar filo da torcere ai campionissimi o a coloro che hanno avuto modo di affermarsi. Ora vediamo insieme quali sono state le sorprese di questo fine settimana!

copertina

Spirito indomito

È questo il significato del nome Yuki e possiamo dire che Tsunoda abbia dimostrato di essere perfettamente degno del nome che porta. Il suo fine settimana è stato positivo, molto positivo. Nonostante fosse la sua prima gara in Formula 1, fin da subito si è affermato essere molto veloce e determinato. Le qualifiche di sabato non erano state all’altezza delle sue aspettative, a causa di un errore nella strategia, ma in gara non se l’è fatto ripetere due volte quando ha dovuto spingere sull’acceleratore. Partito tredicesimo, ben presto è diventato anche l’unico pilota dell’Alpha Tauri a lottare per la zona punti, visto l’incidente di Gasly. All’inizio sembrava avere delle difficoltà, ma non appena è entrato per il primo pit-stop, il suo ritmo è cambiato drasticamente.

L’adrenalina era alle stelle, l’emozione un po’ meno o, almeno, è stato molto bravo a gestirla, ma nonostante ciò ha agito di testa e non di cuore. Ha condotto la gara quasi da veterano ed ha azzardato addirittura una staccata alla Ricciardo su Vettel in un punto della pista dove non è facile sorpassare, che riesce a portare a termine con successo. Ed anche se si è dovuto accontentare della sola nona posizione, può sicuramente dirsi soddisfatto della sua guida. E sono convinta che saprà farci divertire molto quest’anno, grazie al suo coraggio ed alla sua intraprendenza.

sorprese
Photo by @AlphaTauriF1 on Twitter

El Checo

Questo soprannome è ormai noto a tutti, perché sono dieci anni che Pérez sorprende in Formula 1. Domenica, forse, un po’ di più. Anche qui, le aspettative erano state un po’ deluse nelle qualifiche, vista la sua undicesima posizione, non del tutto causata da lui. Eppure Checo è riuscito a riscattarsi magnificamente in gara. Durante il giro di formazione la sua monoposto si è spenta, come accaduto a Sainz il giorno precedente, ed è stato costretto a partire dalla pit-lane. E sarà anche casualità, ma allo stesso modo dello scorso anno, dove aveva vinto partendo ultimo, riesce a condurre la gara in modo perfetto, tanto da chiudere in quinta posizione. Decisamente un ottimo inizio per il pilota messicano, che si dimostra essere una delle sorprese più eclatanti di questo week-end. E proprio lui, con il sorriso sulle labbra, potrà prepararsi alla prossima gara ad Imola!

sorprese
Photo by @redbullracing on Twitter

Mad Max

L’ultimo, ma non per importanza, è proprio colui che ha fatto la sua quarta pole in carriera: Verstappen. Il suo week-end è stato decisamente positivo, sia nelle sessione di prove libere, che in qualifica, che in gara. E nonostante non sia riuscito a vincere questo Gran Premio, non ha assolutamente nulla di cui rimproverarsi. Ha tutto un campionato davanti in cui potrà dimostrare la sua bravura, la sua velocità e determinazione. Max non è qualcuno che si accontenta. Ciò lo si evince dal suo team radio, dove ha incolpato la scuderia di avergli fatto restituire la posizione quando avrebbe potuto allungare su Hamilton. In realtà, era stata la direzione gara a dirgli di far passare il britannico, ma il nervosismo dell’olandese è più che comprensibile. E colui che la stagione scorsa è riuscito ad insidiare la Mercedes in ben due occasioni, nonostante la loro netta superiorità, quest’anno può guardarla senza alzare la testa. Perché Mad Max c’è e non ha intenzione di farsi sfuggire questa occasione d’oro.

sorprese
Photo by @redbullracing on Twitter

Questa è stata solo la prima gara della stagione, che ha saputo donarci molte sorprese ed una vittoria non scontata. La prossima sarà ad Imola, che ha dimostrato di essere ricca di imprevisti. Assisteremo ad una gara emozionante come l’anno scorso? Lo scopriremo solo vivendo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: