Home » Formula 2 » Pourchaire: che rimonta!

Pourchaire: che rimonta!

Siamo in Ungheria con la Sprint Race di Formula 2! Con le qualifiche di ieri aveva conquistato la pole position per la Feature Race Iwasa, mentre in pole oggi troviamo Doohan, seguito da Fittipaldi e Hauger.

Caos al primo giro!

Buonissima partenza per Juri Vips, che arriva in seconda posizione, ma alla prima curva c’è già un contatto per Hauger, che va sulla ghiaia. Molti contatti per Felipe Drugovich, che rischia l’investigazione per l’incidente proprio con il pilota norvegese. Nel caos coinvolto anche Sargeant, che si ritira.

Viene introdotta la Safety Car e nel mentre si decide che si è trattato di un incidente di gara, quindi nessuna ulteriore investigazione per il pilota brasiliano!

Ricapitolando, al terzo giro, Marcus Armstrong ha recuperato due posizioni, Drugovich, approfittando dell’incidente, passa dall’ottava piazza alla quarta, Sargeant e Hauger ritirati.

Nuova partenza

Al quarto giro riinizia la corsa con Doohan in testa. Arriva poi l’investigazione per l’incidente in curva 1 tra Novalak e Nissany: il primo perde pezzi di gomme ed entrambi rientrano ai box per fare un pitstop; arriva poi la penalità di dieci secondi per Novalak.
Nelle retrovie Théo Pourchaire recupera posizioni, visto che era partito dalla settima piazza ma si è ritrovato coinvolto nell’incidente di curva 1 con Hauger: fortunatamente il francese non ha subito danni, ma per rientrare nella zona punti dovrà recuperare più di cinque posizioni.

La gara prosegue tranquillamente: Pourchaire recupera di giro in giro, mentre Armstrong rimane alle calcagna di Daruvala, che si difende molto bene, lasciando il neozelandese bloccato nella settima piazza.

Penalità a volontà!

Arriva la penalità anche per Verschoor di cinque secondi per track limits e ciò avvantaggia Pourchaire, ora in tredicesima posizione e all’attacco di Calan Williams.
Daruvala inizia ad avere difficoltà e sia Armstrong che Lawson ne approfittano più volte tentando il sorpasso. Il pilota neozelandese va all’attacco ma all’esterno in curva avviene un contatto con il pilota indiano e va largo, perdendo la posizione sia su Iwasa che su Lawson, ma non si lascia intimidire e recupera subito sul poleman della Feature Race.

Daruvala e Armstrong finiscono sotto investigazione e la pioggia di penalità non si ferma, difatti vengono dati dieci secondi di penalità all’indiano. Poco dopo Lawson attacca Daruvala, che per un bloccaggio perde altre due posizioni: recuperano Armstrong e Iwasa.
Continua a recuperare anche Pourchaire, ora in decima posizione dopo il ritiro di Verschoor e il pitstop con penalità di Daruvala.

Nel giro finale troviamo Pourchaire in nona posizione, Armstrong in settima, mentre il podio è composto da Doohan, Vips e Fittipaldi. Drugovich chiude quarto dopo non essere riuscito a superare l’altro brasiliano.

Emma Letizia Vasile

Appassionata di motori e di meccanica da pochi anni, studio Scienze politiche, relazioni internazionali e diritti umani all'Università degli Studi di Paova

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto