Home » Formula E » Formula E: nuovo regolamento e rebranding per la formula elettrica

Formula E: nuovo regolamento e rebranding per la formula elettrica

Con la nona stagione della Formula E alle porte, la categoria elettrica si presenta completamente rinnovata: vetture, regolamento e logo completamente nuovi.

Fonte: Formula E

Benvenuta Gen3

La Formula E 2023 vede la Gen3 fare il proprio debutto in pista. Le nuove monoposto infatti presenteranno un design moderno con una potenza di 350 kW (470 cv). Le vetture saranno prodotte da Spark Racing Technology, con la batteria sviluppata da Williams Advanced Engineering, la divisione ingegneristica di Williams Racing, il team di Formula 1 fondato da Sir. Frank Williams. I pneumatici montati saranno Hankook, che sostituirà la concorrente Michelin come fornitore della categoria.

Fonte: Formula E

I cambiamenti in pista però non saranno solo tecnici, anche il regolamento sportivo è stato stravolto.

Le modifiche al regolamento

Addio gare di 45 minuti + 1 giro, il fattore tempo non sarà più determinante per la durata della gara, che vede invece un numero prestabilito di giri da completare, come in Formula 1. Come prima il regolamento prevedeva l’aggiunta di ‘tempo’ a fine gara nel caso fosse entrata la Safety Car o per un Full Course Yellow, ora la direzione gara si riserva il diritto di aggiungere un certo numero di giri a seconda della circostanze.

Addio anche al Fanboost, la modalità attraverso la quale i fan potevano supportare il proprio pilota attraverso una votazione online. Nessun aiuto esterno per i piloti che dovranno giocarsi tutto su pista.

L’Attack Mode, implementato nel corso della stagione 2018/19, viene invece rivisto. I recenti sviluppi nelle tecnologie elettriche hanno portato alla creazione della batteria EV, la più avanzata di sempre. Attraverso un pit-stop obbligatorio di 30 secondi, le vetture riceveranno un boost di energia alla velocità di 600kW, che permetterà ai piloti di usufruire di ulteriori 50kW in due momenti della gara, come avveniva con l’Attack Mode. Data la natura sperimentale del progetto, questo verrà implementato solo in determinate gare del calendario, lasciando il vecchio Attack Mode alle rimanenti.

Come succede per la Formula 1, nel corso della stagione vedremo dei rookie scendere in pista durante le prove libere, per dar modo ai giovani di far pratica con queste vetture.

Calendario Formula E 2023
Fonte: Formula E

Operazione di rebranding per la Formula E

L’ultima novità per questa Formula E completamente rinnovata riguarda invece il logo. Attraverso un rebranding, logo, font e colori della categoria sono cambiati. Quest’operazione, seppur motivata dal management, non è stata accolta bene dai fan che lamentano la poca iconicità del logo, che “sembra ricordare un misto di E-on e Canva”, alla palette di colori, ora estesa a diverse tonalità di blu. In ogni caso, i dirigenti hanno motivato questa scelta come necessaria, rivelando che la nuova ‘e’ si ispira alla trazione immediata delle vetture elettriche, rimandando all’energia e all’entusiasmo come pilastri centrali di questo sport.

Nuovo logo Formula E 2023
Fonte: Formula E

Nel complesso, poco del visual project di rebranding sembra ricordare uno sport a primo impatto. Vedremo se nel corso della stagione quest’idea prenderà piede o se si preferirà tornare alle vecchie grafiche.

Martina Spinello

Laureata in Economia all'Università degli Studi di Padova e studentessa magistrale di Entrepreneurship and Innovation, seguo la Formula 1 da quando Schumi vinceva i mondiali con la Rossa. Affascinata dall'aspetto economico e politico che sta dietro al Motorsport, scrivo per Multiformula articoli riguardanti le dinamiche che muovono il Circus.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto