Home » Formula 1 » L’atto finale del Girls on Track-Rising Star a Maranello

L’atto finale del Girls on Track-Rising Star a Maranello

Scopriamo assieme il progetto e le sue protagoniste in scena questa settimana alla sede del cavallino

From: Ferrari Driver Academy on Instagram

Giorno dopo giorno il motorsport si sta distaccando da quell’immagine ormai obsoleta in cui a scendere in pista erano solamente gli uomini. Avrete sicuramente già sentito nomi come Tatiana Calderon, Sofia Flörsch o Jamie Chadwick per citarne alcune che si sono messe in mostra nelle varie categorie in cui hanno corso. Le protagoniste di questi giorni, invece, sono Julia Ayoub, Antonella Bassani, Doriane Pin e Maya Weug. Stanno trascorrendo cinque giornate tra Maranello e Fiorano come “studentesse” della Ferrari Driver Academy e solo una delle quattro diventerà membro della prestigiosa academy.

IL PROGETTO

Tutto ha inizio con il progetto ”Girls on Track – Rising Stars” nel 2020: da ogni parte del mondo sono state selezionate le venti ragazze più talentuose tra i 12 e i 16 anni che corrono sui kart. Un’ulteriore selezione è stata poi attuata al circuito Paul Ricard dove sono rimaste in dodici. 

Da qui è iniziato il primo training, nel corso del quale le ragazze si sono messe alla prova girando per il circuito a bordo di kart identici. Il training non si è svolto unicamente in pista, ma anche al di fuori con attività formative come la gestione dei media. Esse sono state sottoposte ad una ulteriore selezione dove il numero è diminuito nuovamente. Le otto ragazze rimaste si sono cimentate nel secondo training questa volta a bordo delle monoposto di Formula 4, le stesse che una di loro avrà l’opportunità di guidare come pilota titolare nella stagione 2021.

From: FIA on Instagram

LE CANDIDATE

Rimaste in quattro, lunedì sono arrivate a Maranello per svolgere l’ultima fase decisiva. Conosciamole insieme!

La prima ragazza di cui parliamo è Julia Ayoub, proviene dal brasile e ha 15 anni. È la prima donna brasiliana a competere nel campionato mondiale di kart e campionessa della categoria femminile del trofeo Ayrton Senna Kart. È stata selezionata nella Richard Mille Young Talent Academy e ha corso nella categoria OKJ con il team Birel ART. 

La seconda è Antonella Bassani, ha 14 anni ed è anche lei di nazionalità brasiliana. Ha iniziato a correre all’età di quattro anni e a soli 10 anni è arrivata seconda sia nel campionato Rotax sudamericano sia in quello brasiliano. Si è inoltre classificata terza nel campionato nazionale di kart brasiliano. 

La terza selezionata è Maya Weug, classe 2004 e di nazionalità divisa tra Spagna e Belgio. Come Julia, è stata selezionata nella Richard Mille Young Talent Academy e ha corso nella categoria OK con Birel ART. Nel 2019 ha vinto la WSK Final Cup ed è anche vice-campionessa spagnola di kart. 

Infine, la quarta è Doriane Pin, come la Weug, ha 16 anni e proviene dalla Francia. Ha vinto il campionato di kart femminile francese dopo essersi classificata terza l’anno precedente.

IL CAMP

Arrivate a Maranello lunedì, ieri sono state impegnate con attività sia di allenamento fisico, ma anche attività mentali(come test dei tempi di reazione) e di gestione dello stress, attività che da sempre caratterizzano i camp organizzati dall’academy. Nella giornata di oggi si sono cimentate alla guida del simulatore e domani e venerdì svolgeranno l’attività cruciale del camp: guidare nella pista di Fiorano una monoposto di Formula 4. Le ragazze lasceranno Maranello venerdì pomeriggio e nei giorni successivi verrà scelta la prima giovane pilota che entrerà a far parte della FDA.

From: FIAWIM on Instagram

Ciò che sta avvenendo in questi giorni rappresenta un grande passo nel mondo del motorsport, un contesto nel quale tutti i piloti condividono la stessa pura passione per i motori senza alcuna distinzione di genere. Ci auguriamo che progetti di questo tipo possano incoraggiare sempre di più donne talentuose a scendere in pista e a mettersi in gioco.

Se siete interessati all’argomento delle donne nel motorsport potete leggere qui la storia di Eliška Junková, mentre trovate qui le storie delle donne che avevamo citato nell’introduzione assieme a molte altre che sono fondamentali anche al di fuori della pista. 

Lucia Emilia Saugo

Studentessa al liceo scientifico, da sempre sogno di lavorare nel mondo del motorsport e Multiformula è la possibilità di raccontare a parole mie questa grande passione. Mi occupo principalmente di Formula 2 e Formula 3 e gestisco la rubrica dei record.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto