Formula 1
Azerbaijan GP: Perez vince davanti a Vettel e Gasly

Azerbaijan GP: Perez vince davanti a Vettel e Gasly

Dopo qualifiche all’insegna della bandiera rossa, si arriva all’Azerbaijan GP con un asfalto più freddo del giorno precedente. Attenzione alle strategie e alla gestione gomme.

La partenza, fondamentale, vede i piloti in testa mantenere le posizioni, con Perez che agguerrito guadagna due posizioni sorpassando Sainz e successivamente Gasly. Un contatto tra Stroll e Mick Schumacher a fine rettilineo costringe i due piloti ad effettuare la sosta. Male Norris che perde 3 posizioni.

Siamo al quarto giro, e per Ocon arriva il ritiro a causa di problemi al motore.

Hamilton, in testa alla corsa, non riesce a creare un distacco con gli inseguitori, tra cui Verstappen che però avverte problemi nella parte ibrida che non gli permettono di avere una buona velocità di punta. Il lungo rettilineo vede Leclerc perdere due posizioni in favore delle due Red Bull, le quali finiscono il podio provvisorio.

Pit stop anticipato per Norris e Alonso, i quali montano la gomma soft. Mentre dei piloti in testa, Leclerc è il primo a fermarsi.

Ottima prima fase di gara per Gasly che ha un buon ritmo continuando a guadagnare decimi.

Con la gomma non ancora in temperatura, al giro 11 Sainz va lungo a curva 8 rientrando in pista in 15esima posizione.

Gasly, posticipando la sosta, riesce ad effettuare un overcut rientrando in pista davanti a Leclerc. Hamilton, invece, ha perso tempo al pit stop. Problemi al pit stop anche per Sergio Perez che consentono al compagno di squadra Verstappen di prendersi la posizione.

  • Azerbaijan GP
  • Azerbaijan GP Perez e Hamilton

Tranne i due piloti Aston Martin, al giro 16 tutti i piloti hanno effettuato la sosta. Il degrado gomma è minore rispetto al previsto, considerando i tempi competitivi di Vettel che sta conducendo la gara (deve ancora effettuare la sosta).

Pur con ala aperta e in scia, diversi piloti non riescono a sorpassare chi li precede: Sainz con Giovinazzi, Perez sta tenendo la posizione su Hamilton, registrando anche giri veloci. Altro pilota in difficoltà è Bottas, che non riesce a sorpassare Norris. Sainz riesce ad effettuare il sorpasso su Giovinazzi in curva 3 al giro 23.

Giri 24 e 25 presentano il lungo di Bottas in curva 16 e Mazepin in curva 4: per entrambi niente danni.

Mentre in testa Verstappen vola, poco dietro di lui Gasly, Leclerc e Vettel effettuano buoni tempi. Il pilota che li precede, Stroll, partito in gomma dura, al giro 29 non ha ancora effettuato la sosta provando la durata della hard.

“Massima concentrazione” per il leader della corsa.

Al giro 31 arriva il colpo di scena: Lance Stroll, a causa del taglio della gomma posteriore sinistra, perde il controllo della vettura in rettilineo andando a muro ad alta velocità. Nessun danno per il pilota, ma arriva il regime di safety car che dura per 4 giri.

Una ripartenza da safety car segnata dal lavoro di squadra dei piloti Red Bull che non danno punti di riferimento a Hamilton, e Vettel che in curva 1 sorpassa Leclerc e successivamente Gasly, salendo così in quarta posizione. Ottima ripartenza anche per Sainz che supera Ricciardo. Male invece Bottas che si fa superare dalle due Alfa Romeo.

Centro classifica molto ravvicinato con tutti i piloti che tengono distacchi di 1 secondo a 10 giri dalla fine.

Ultimi giri, e Hamilton prova ad avvicinarsi e sorpassare Perez arrivando al limite effettuando anche correzioni.

E il colpo di scena arriva dal leader Verstappen: come accaduto a Stroll, in rettilineo gli cede la posteriore sinistra andando a sbattere contro il muro. Finisce così la sua gara e rimane sospesa quella degli altri con bandiera rossa.

Immagine
Fonte: @mult1formula on PInterest

2 giri alla fine, una sospensione lunga, ma la gara riparte dalla griglia senza Russell, che per problemi alla vettura è costretto al ritiro.

Buona partenza per Hamilton, che però va lungo in staccata e rientrando ultimo in pista. Male anche Leclerc che non riesce a sorpassare Gasly rischiando anche di perdere la posizione su Norris.

Sergio Perez vince l’Azerbaijan GP, aggiungendosi così ai piloti vincitori di questo gran premio, seguito da Vettel e Gasly. Grandi rimonte dei primi due al traguardo, di Giovinazzi e di Alonso, arrivato sesto. Male Hamilton che compromette il sorpasso in classifica costruttori.

Immagine
Fonte: F1 social accounts

Continuate a seguirci sui nostri canali social: siamo su Twitter e Instagram. Ci trovate anche su Pinterest con tante nuove immagini.

Vi aspettiamo il lunedì alle 17 in webradio: ascoltate i nostri commenti sul gran premio!

Per la Formula 1, appuntamento in Francia!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: