Home » Formula E » Formula E| Guida all’ottava stagione

Formula E| Guida all’ottava stagione

Ci eravamo lasciati cinque mesi fa con le immagini del trionfo di Nyck De Vries, primo campione del mondo di Formula E. Tra 8 giorni i piloti e le loro monoposto elettriche torneranno in pista per una nuova imprevedibile stagione.

Scopriamo in questa guida le novità che ci aspettano: nuovi tracciati in calendario, alcuni cambiamenti nel regolamento e una rinnovata line-up.

Il calendario delle gare

Crediti foto: dall’account Twitter @DSTECHEETAH

Il calendario dell’ottava stagione includerà 16 gare. Sarà l‘ultimo anno in cui scenderà in pista la GEN2 per poi lasciare spazio nel 2023 all’evoluzione più sofisticata e potente, la GEN3.

La prima grande novità di questo campionato è rappresentata dai due round finali in Corea del Sud, a Seoul. Si sarebbe dovuto gareggiare qui già nel 2020, ma la pandemia ha ostacolato l’organizzazione della competizione. Il tracciato si svilupperà attorno al parco olimpico, realizzato per i Giochi del 1988.

Un altro circuito inedito sarà quello di Ancol, Jakarta in Indonesia. La Formula E riporta così il Motorsport a Jakarta dopo una assenza durata 30 anni.

Le altre destinazioni sono invece già note ai piloti. Si ritornerà in Messico per il terzo round del calendario, questa volta a Città del Messico. L’ultima gara qui era stata vinta da Mitch Evans, ma dietro di lui c’era stata una grande bagarre per aggiudicarsi le due posizioni rimanenti del podio. Tra le località internazionali del calendario, ritroveremo anche il Canada. Abbandonata Montreal, quest’anno, a fine luglio, si correrà a Vancouver.

Novità nel regolamento

La prima novità del regolamento riguarda l’introduzione del budget cap per i team partecipanti. Seguendo l’esempio della Formula Uno, l’obiettivo è di ridurre il divario tra i costruttori, cercando così di attirarne di nuovi nel futuro prossimo.

Relativamente alle monoposto elettriche, bisogna evidenziare un aumento di potenza a disposizione dei piloti. In gara si potranno raggiungere i 220 kW, contro i 200 kW dell’anno scorso, mentre attivando l’Attack Mode si arriverà a 250 kW, rispetto ai 235 del precedente campionato.

In caso di incidenti e ripetuti ingressi della safety car, il tempo di gara sarà aumentato di 10 minuti per permettere ai piloti di recuperare il tempo perduto. Sembrerebbe una novità molto interessante, ma la gestione della carica elettrica sarà più critica.

Tuttavia, la novità dell’ottava stagione di cui tutti stanno parlando è un’altra: il nuovo format di qualifiche. Lo scopo è quello di aumentare le possibilità per i piloti di conquistare la pole position. In questi tracciati cittadini molto stretti, partire dalla pole position è un grandissimo vantaggio anche se i sorpassi e gli stravolgimenti di classifica non mancano mai.

Crediti foto: dall’account twitter @FIAFormulaE

Come funzionerà questa qualifica? I piloti verranno divisi in due gruppi, ognuno di 11 partecipanti. In ognuna delle due sessioni, avranno la possibilità di effettuare più giri per cercare il tempo migliore di qualifica. L’anno scorso, invece, potevano contare su un solo giro lanciato. Solo i primi quattro classificati per ogni gruppo accederanno ai quarti di finale con duelli testa a testa. I vincitori accederanno quindi alle semifinali e poi alle finali, per decidere il poleman.

Anno nuovo, line-up nuova

Oltre alla comparsa di nuove livree, questa ottava stagione ci presenta una line-up rinnovata.

Il team Dragon Penske schiererà Antonio Giovinazzi, proveniente dalla Formula 1 e rookie di questa categoria elettrica. I test di Valencia sono stati per lui un’occasione molto importante per conoscere meglio la sua monoposto e cercare il tempo sul giro. Al suo fianco ritroveremo il giovane pilota brasiliano, Sergio Sette Camara.

Anche il team NIO 333 accoglierà un giovane rookie nel suo box. Al fianco di Oliver Turvey ,troveremo il giovane ex pilota di Formula 2, Dan Ticktum.

Dopo l’addio di BMW, il team Andretti trova un nuovo title sponsor, Avalanche (una piattaforma online di blockchain). Accanto al confermato Jake Dennis, troveremo il terzo rookie di questa stagione, Oliver Askew, pilota americano proveniente dal mondo dell’endurance.

Il team Mahindra Racing ha rimpiazzato Alex Lynn con Oliver Rowland (ex pilota Nissan), che andrà ad affiancare Alex Sims.

In Nissan e.dams, accanto al veterano Sebastian Buemi, ci sarà Max Gunther, ex pilota Audi. Infine il team Rokit Venturi Racing riconferma Edo Mortara e al suo fianco accoglie il veterano brasiliano Lucas Di Grassi.

I team Mercedes EQ, Jaguar TCS Racing e DS Techeetah rimangono invece invariati nella loro composizione.

Non perdetetevi i nostri aggiornamenti del primo weekend di gara a Diriyah sui nostri canali social!

Carlotta Ulgelmo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto