Home » Formula 2 » Théo Pourchaire VS Frederik Vesti, chi avrà vinto?

Théo Pourchaire VS Frederik Vesti, chi avrà vinto?

Il weekend di Abu Dhabi è arrivato, è il momento decisivo dove scopriremo chi sarà il campione di F2! Abbiamo due contendenti al titolo: Théo Pourchaire (191 punti) e Frederik Vesti (166 punti). Ayumu Iwasa (152 punti) è attualmente al terzo posto in classifica, che cerca di avere qualche possibilità per il titolo. Parliamo di probabilità: Pourchaire sarà campione se ha un distacco di 29 punti su Vesti dopo la Sprint Race. Inoltre vedremo chi vincerà il campionato costruttori. Anche in questo caso sono due le contendenti a farsi la guerra: ART Grand Prix (322 punti) e Prema Racing (296 punti)

Doohan regna in qualifica! Théo Pourchaire P14 e Frederik Vesti P9

A debuttare questo weekend sono Franco Colapinto e Paul Aron, piloti che abbiamo imparato a conoscere nella Formula 3. Ayumu Iwasa deve essere in pole position per mantenere vive le sue esili speranze per il titolo. Victor Martins si porta in testa e segna questo tempo 1:36.692, Jack Doohan è il secondo più veloce, ma c’è un distacco di 0,228 secondi tra lui e il poleman provvisorio. Iwasa sale al terzo posto, mentre Doohan è stato il più veloce nel primo settore. Richard Verschoor era arrivato secondo, ma Doohan lo ha scalzato per tornare in P2. Anche Maini precede l’olandese, portando la sua Campos in P3. Théo segna il tempo e arriva tredicesimo, il suo rivale è in sesta posizione.

Martins è in pole provvisoria con un 1:36.351. Doohan è a soli 0,051 secondi in P2, con Maini a un decimo dal primo posto, anche lui in P3. Negli ultimi quindici minuti, è piena lotta alla pole position, Doohan non rallenta ma spinge ancor di più, Victor e Ayumu cercano di migliorarsi ma non ci riescono. Vesti è rimasto nella caccia al titolo in nona posizione e partirà nella Sprint Race di sabato in prima fila insieme al poleman in griglia inversa Enzo Fittipaldi. Un miglioramento tardivo non è bastato a Pourchaire, che si schiererà P14 per entrambe le gare.

Sprint race, Frederik Vesti re della gara

Il giro di formazione è già drammatico per Théo Pourchaire, che infrange la procedura di pre partenza della Sprint, stesso destino vale per Leclerc, il quale parte dalla pit-line a causa di alcuni problemi. Nei primi giri si apre una lotta fra Vesti e Fittipaldi, ricordiamo che con la Sprint il brasiliano parte primo e il danese secondo. Quest’ultimo non riesce ad avere abbastanza potenza da superare Fittipaldi, quindi resta relegato alla seconda posizione. La lotta non finisce qui, perché si invitano alla festa anche Hadjar e Verschoor, questi due superano Vesti, che scende in quarta posizione. Entra la Safety Car a causa di un contatto tra Martins e Correa, il primo ne esce senza gravi conseguenze e riesce a restare in lotta nonostante il cambio dell’ala danneggiata, mentre il secondo dopo aver fatto un testacoda è costretto al ritiro.

Formula 2 – Correa out of his car

La gara riprende al quinto giro, Frederik Vesti non si trattiene e cerca il sorpasso su Verschoor, i due si scambiano le posizioni varie volte, e alla fine il danese riesce a tenersi stretto la terza piazza. Nel frattempo, Pourchaire nonostante i vari tentativi non riesce ad attaccare Maini. Crawford supera Martins e Vesti segna il primo giro veloce. Altra investigazione in arrivo perché Iwasa spinge Doohan ad andare fuori pista. Fittipaldi non digerisce che Vesti abbia collezionato il giro veloce e gli risponde abbassando il ritmo.

Intense battaglie

Pourchaire attacca Iwasa e lo supera; il suo rivale diretto, Vesti, entra in zona DRS e insegue Hadjar. Arriva la comunicazione da parte della FIA per una nuova investigazione tra Maloney e Hauger, per aver forzato un altro pilota ad andare fuori pista, ma nessuna penalità verrà applicata. Pourchaire entra in lotta con Doohan, mentre Verschoor supera Hadjar e sale in terza posizione. Incredibile, Martins fa giro veloce! Maloney supera Maini, e si apre una battaglia per la quinta posizione; sono in tre che si fanno la guerra: 5° Hauger, 6° Doohan e 7° Pourchaire. Sfortunatamente per il monegasco arrivano 10 secondi di penalità e due punti di penalità, che verranno applicati dopo la gara.

Al 17° giro si apre la lotta tra Hauger e Hadjar, sempre in questa tornata il norvegese entra in zona DRS, dando via ad una battaglia che durerà fino all’ultimo giro. Vesti insegue Fittipaldi e due giri dopo lo supera, mentre il brasiliano a causa di un bloccaggio alla gomma anteriore destra è costretto a cedere la prima posizione al danese. Martins riceve un avvertimento sui track limits.

Ultimo giro

La battaglia per la quarta posizione tra Hauger e Hadjar si conclude ed ad avere la meglio è il norvegese. A tagliare il traguardo in prima posizione è Frederik Vesti che negli ultimi giri ha difeso la posizione dal brasiliano, e segna anche il giro veloce. Frederik Vesti vince la quarta Sprint della stagione, con la vittoria diminuiscono i punti distacco tra lui e il francese. Il suo rivale Théo Pourchaire conclude la gara in settima posizione, riguardo all’investigazione non riceverà alcuna penalità. Dando uno sguardo ai debuttanti, Paul Aron conclude in sedicesima posizione, Franco Colapinto in diciannovesima posizione.

Sprint Race Formula 2 podium

Feature Race, dove la matematica non sbaglia!

Ricordiamo che Frederik Vesti parte in nona posizione e Théo Pourchaire in quattordicesima posizione. Vesti utilizza gomme hard e Pourchaire le soft, sono due strategie diversissime. Doohan e Martins partono in prima fila. Iniziano le prime battaglie Iwasa taglia la curva per trarne vantaggio su Maloney, viene costretto a ridargli la posizione ma non dura per molto perché il giapponese si riprende la posizione. Verrà investigato ma non arriva nessuna penalità. Pourchaire supera Correa, nel frattempo Vesti inizia ad inseguire Hauger per colmare il gap, sa che ha bisogno di più di sedici punti per essere campione del mondo.

Situazione in fondo alla classifica

Andiamo a vedere la situazione infondo alla classifica, Nissany e Stanek lottano per la quindicesima posizione, invece Leclerc e Correa lottano per la tredicesima. Il pit-stop di Pourchaire abbastanza lento lo fa finire in ventesima posizione, anche Bearman e Crawford vanno nei box, l’americano riscontra dei problemi nel fissaggio di un pneumatico. Leclerc viene investigato per aver lasciato la pista per trarne vantaggio. Doohan viene chiamato ai box, così sale Vesti in terza posizione però lo sa che dovrà fare il pit-stop a breve.

All’11° giro Théo fa il giro veloce. Maloney e Maini si ritrovano coinvolti in una lotta. Il francese lotta contro Ollie Bearman, il secondo ha sovrasterzo e perde due decimi sul francese. Arriva la penalità per il monegasco, 5 secondi. L’argentino che debutta in questo weekend è costretto al ritiro a causa di alcuni problemi alla vettura. Hauger supera Bearman, l’inglese è costretto al ritiro, neanche arriva ai box che la sua vettura si ferma in pit-line, la pit-line viene chiusa per principio di incendio.

Verso la fine della Feature Race

Leclerc supera Verschoor e sale sul podio in terza posizione. Al 23° giro, Vesti fa pit-stop, era arrivato al limite con le sue gomme e si trova in nona posizione. Iwasa e Maloney continuano a farsi la lotta tra loro, il giapponese fa molti zig-zag per non farsi superare. Al 24° giro, Verschoor si ritira, adesso i due concorrenti al titolo sono vicini e si scambiano le posizioni, il francese viene spinto da Maini fuori pista, taglia la curva ed è in quinta posizione. Viene investigato, e nessuna penalità è stata applicata. Vesti supera Pourchaire, e c’è un’altra volta lo scambio di posizione dei due. Pourchaire è in P5, Vesti è in P6. Al 27° giro, Leclerc segna il giro veloce. Vesti supera il suo rivale. Maloney e Iwasa lottano per il podio, il pilota delle Barbados lo supera ed è terzo.

5 giri al termine

Vesti che si trovava quarto supera Iwasa. La Virtual Safety Car entra in azione, perché la monoposto di Mason si è fermata in pista, e non gli resta che ritirarsi. Al termine della Virtual Safety Car mancano meno di due giri, a tagliare il taguardo è Doohan, seguito da Martins che segna il giro veloce e per la terza posizione si fanno la lotta Vesti e Maloney, i due si toccano, il primo continua a correre a tagliare il traguardo mentre il secondo fa un testacoda. Pourchaire termina la gara in quinta posizione, nonostante il podio di Vesti i punti non sono abbastanza per colmare il gap. Il francese diventa campione del mondo!

Théo Pourchaire – Champion of Formula 2

Dopo anni che è entrato in Formula 2, Théo Pourchaire corona il suo sogno, diventare campione della categoria. Chapeau Théo!

Giulia Costantino

Appassionata del Motorsport

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto