Home » Dakar » Dakar 2022| La seconda settimana delle auto

Dakar 2022| La seconda settimana delle auto

Archiviata la prima parte di Dakar con Al Attiyah dominatore e Loeb all’inseguimento, i piloti affrontano la seconda settimana di gara.

Queste ultime 6 tappe decideranno il vincitore della Dakar per la categoria auto. Scopriamo cosa è successo in questi giorni, guardando in particolare al duello per il titolo.

Tappa 7 : Riyad- Al Dawadimi

La settima tappa da Riyadh a Al Dawadimi prevede 402 km di speciale con  terra e sabbia e pochissime dune. Chi è consapevole di dover partire subito all’attacco è Loeb. Prima del giorno di riposo, in classifica generale si trovava in terza posizione con un distacco di 50 minuti.  

In partenza di tappa, il francese riesce a concretizzare queste intenzioni: al terzo checkpoint è già in testa, precedendo Al Attiyah di oltre 3 minuti . La classifica generale parla di un Nasser irraggiungibile, ma con una guida così aggressiva Loeb gli vuole far capire che lotterà fino alla fine, cercando di scalfire la sicurezza e la confidenza di Al-Attiyah.

Nasser Al Attiyah distaccato da Sebastien Loeb nella tappa 7
Crediti foto: dal sito redbullmediahouse.com

Lategan, come sempre, si trova nel gruppetto di testa nella prima sezione cronometrica. Purtroppo al km 200 si ferma per prestare soccorso al compagno di squadra in difficoltà De Villiers. Così facendo il primo perde 40 minuti e l’altro circa un’ora.

A metà gara Loeb riesce ad aumentare il suo vantaggio, superando i 6 minuti e riesce a mantiene la testa fino alla fine della tappa. Si aggiudica così la seconda vittoria di giornata di questa Dakar e la sedicesima assoluta tra tutte le sue partecipazioni alla Dakar. Nasser arriverà al traguardo con un ritardo di 5’30, seguito da Sainz, Peterhansel e Al Rajhi.

Grazie a questo prezioso risultato, Loeb ritorna secondo in classifica generale a 44’ di distacco dal leader. Solo a fine tappa scopriremo che l’Hunter del francese accusava seri problemi al motore negli ultimi 50 km e nonostante ciò, il distacco è leggermente diminuito. Seb non smetterà mai di stupirci con il suo incredibile talento .

Tappa 8: Al Dawadimi – Wadi Ad Dawasir
Audi e-tron
Crediti foto: dal sito redbullmediahouse.com

L’avvio dell’ottava tappa mostra un Nasser pensieroso e quasi teso. Nonostante il suo vantaggio incredibile in classifica generale, è consapevole di non poter commettere alcun errore. Forse, nonostante la sua grande esperienza, avverte un po’ la pressione del rivale, fuoriclasse assoluto del rally con 9 titoli mondiali WRC.

Dopo soli 28 km Loeb accusa una foratura e arriva al primo waypoint con un ritardo di oltre due minuti dal leader provvisorio, Ekstrom. Fortunatamente, anche Al Attiyah ha un gap di quasi 4 minuti.

Al km 100 altro colpo di scena: Al Attiyah a sua volta accusa una foratura che lo costringe a fermarsi per riparare il danno. Solo due giorni dopo si verrà a sapere che una volta risalito in auto il pilota qatariota non si allaccia la cintura e per questo verrà sanzionato di 5 minuti sulla classifica generale.

Per pareggiare i conti, la sfortuna ritorna da Loeb, facendogli perdere per il tracciato una ruota di scorta (penalizzata poi con una ingente multa). Resosi conto del problema, il pilota francese decide di affrontare più cautamente le rocce del percorso per evitare una fatale foratura. Nonostante ciò, al penultimo waypoint è sua la testa provvisoria della tappa con un vantaggio di oltre nove minuti su Al Attiyah! Questo grande divario è anche dovuto ad una rottura del differenziale, che costringe Nasser a guidare per gli ultimi 50 km solo con la trazione anteriore.

Questa ottava tappa viene vinta da Ekstrom con la sua Audi e-tron davanti al compagno di squadra Peterhansel. Loeb chiude terzo, con un vantaggio di 7 minuti su Al Attiyah, che si posiziona in decima piazza.

Tappa 9 : Wadi Ad Dawasir  – Wadi Ad Dawasir

In questa tappa ad anello,  le Toyota sono state nettamente superiori, mostrando grandi miglioramenti sul piano dell’affidabilità rispetto all’anno scorso.

Bisogna, però, soffermarsi sull’incredibile performance di Loeb in questi ultimi tre giorni. Dall’alto della sua esperienza nel rally, sapevamo che sarebbe stato incredibilmente veloce. Nel corso di questa tappa, secondo i dati telemetrici, il pilota alsaziano è sempre andato full gas con  una media per svariati chilometri di oltre 150km/h! Tuttavia, questo non è bastato perché oggi tutto è andato per il verso giusto ad Al Attiyah.

Audi e-tron
Crediti foto: dal sito redbullmediahouse.com

Anche a causa dell’ennesima foratura di tappa, Loeb conclude la tappa solo in quinta posizione, un minuto più indietro di Al Attiyah. La tappa viene vinta dal pilota sudafricano Toyota De Villiers, mentre arriva secondo il talentuoso connazionale Lategan. Ekstrom arriva quarto appena davanti a Loeb, che può comunque essere soddisfatto della tappa di oggi. Purtroppo il distacco rimane ancora troppo grande e il titolo si allontana sempre di più.

Tappa 10: Wadi Ad Dawasir – Bisha

Dopo la superiorità di Toyota durante la tappa 9, la tappa 10 mette in luce le prestazioni delle tre Audi e-tron. Peterhansel occupa la prima posizione per quasi tutta la tappa, seguito dal compagno di squadra Sainz. Lategan, però, è molto vicino a questi due. Se non avesse avuto quel guasto importante in avvio di Dakar, avrebbe veramente potuto lottare se non per il titolo, certamente per la terza posizione assoluta di categoria!

Per quasi tutta la tappa, Loeb e Al Attiyah sono vicinissimi, mostrando quanto le loro prestazioni siano simili. Nell’ultimo intertempo Loeb riesce a dare l’ultima zampata, precedendo l’avversario di un minuto.

Loeb tappa 10 Dakar, all'inseguimento di Al Attiyah
Crediti foto: dal sito redbullmediahouse.com

Al di fuori di questo splendido duello, arrivato alle battute finali, la tappa 10 ci consegna la prima vittoria di tappa di questa Dakar per Peterhansel. Mr Dakar raggiunge così lo straordinario numero di 82 vittorie nella sua incredibile e molto longeva carriera alla Dakar. Sainz si classifica secondo, precedendo Terranova e Lategan di due minuti.

Tappa 11: Bisha- Bisha

Il menù del giorno prevede una tappa con una prova speciale di 346 km.

In partenza, le telecamere ci mostrano un’azione strategica da parte del team Toyota Gazoo Racing. Una volta partito, Lategan si ferma 100 metri dopo lateralmente al tracciato. Il suo obiettivo è quello di aspettare la partenza di Al Attiyah per poi scortarlo da buon scudiero. Grande lavoro di squadra per Toyota, ma non un’azione così necessaria considerando il vantaggio del qatariota in classifica generale.

A metà tappa, Loeb si trova in terza posizione, dietro al leader provvisorio Sainz di quasi 3 minuti. Il pilota alsaziano precede il suo rivale Al Attiyah di quasi 1’30.

Nell’ultima sezione cronometrica, Loeb aumenta il suo vantaggio, ma purtroppo non abbastanza per impensierire Al Attiyah.

La vittoria di tappa viene assegnata meritatamente a un Sainz, dominatore di giornata. Chiudono alle sue spalle l’argentino Lucio Alvarez davanti a Ekstrom, pilota Audi. Questo suo terzo posto rappresenta un risultato molto importante per la Casa dei Quattro Anelli, che si può dire molto soddisfatta di questa vettura. A causa di una penalità di 5 minuti per eccesso di velocità, Loeb perde la sua seconda posizione e scende in ottava posizione, proprio dietro al rivale e perdendo il suo vantaggio di quattro minuti.

Tappa 12 : Bisha – Jeddah

Siamo giunti quindi all’ultima tappa di questa Dakar, con una prova speciale molto breve. Salvo qualche incredibile imprevisto, non dovrebbero esserci stravolgimenti di classifica generale.

Questo, però, non vuol dire che Loeb eseguirà il suo compitino, accontentandosi di una prova speciale discreta. Il 9 volte campione WRC parte come sempre all’attacco e a metà gara è sesto a quasi un minuto e trenta di distacco dal leader. Chi, invece, è deciso a non prendersi rischi inutili è Nasser Al Attiyah che è ben più indietro in classifica a oltre quattro minuti.

La seconda metà di gara non presenta sorprese. Quest’ultima tappa della Dakar 2022 viene vinta meritatamente da Henk Lategan che precede Peterhansel e Baragwanath. Loeb chiude in quarta piazza sopra i due minuti di distacco, mentre Al Attiyah termina in diciannovesima posizione a quasi otto minuti.

Il suo risultato, però, è più che sufficiente per diventare il nuovo campione del mondo della Dakar. Oltre a questo titolo, la vittoria lo mette in testa del campionato del mondo di rally raid.

La classifica generale della Dakar 2022

In classifica generale, Ekstrom chiude in nona posizione assoluta ed è il migliore del dream team di Audi, nonostante sia anche il pilota con la minore esperienza in questa competizione. Al Rajhi chiude terzo assoluto, raggiungendo così il suo miglior risultato di carriera. La grintosa Laia Sanz, accompagnata dal nostro Maurizio Gerini, chiude la sua prima Dakar in auto con uno strepitoso ventitreesimo posto.

Bisogna congratularsi con Al Attiyah per questa grande vittoria, frutto di due settimane praticamente perfette, senza errori di navigazione e sempre ad un ritmo altissimo. Ha sempre dimostrato una grandissima forza mentale e non si è mai fatto mettere sotto pressione dal suo più grande rivale, come invece era successo nelle precedenti edizioni della Dakar. Il suo trionfo acquista ancora maggior valore perché arriva dopo un’ emozionante lotta con Loeb, che ha esibito tutto il suo talento e la sua velocità.  

Carlotta Ulgelmo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto