Home » Formula E » Formula E Berlino: De Vries domina gara 2, top 4 tutta motorizzata Mercedes!

Formula E Berlino: De Vries domina gara 2, top 4 tutta motorizzata Mercedes!

Inizia il secondo appuntamento a Berlino, dove la Formula E corre sul tracciato del vecchio aeroporto di Tempelhof. In pole troviamo Mortara (Venturi), davanti all’Envision di Frijns e la Mercedes di De Vries. La gara di ieri ha visto vincitore proprio Mortara, il poleman di oggi, che sembra aver monopolizzato le qualifiche a Berlino, essendo partito dalla prima posizione anche il sabato.

Il Round 8 di questa stagione di Formula E prevede una sola possibilità di usare l’Attack Mode, che darà una potenza extra per 8 minuti ai piloti che ne faranno uso. Strategia diversa quindi rispetto a Gara 1.

Al via troviamo De Vries che in curva 1 passa sia Frijns che Mortara, diventando quindi leader. L’italiano Giovinazzi invece perde molte posizioni in partenza, rimanendo davanti a Cassidy solo perchè il neozelandese ha scontato una stop-and-go penalty di 10 secondi, penalità data in sostituzione delle 80 posizioni di retrocessione in griglia dati da regolamento per aver cambiato varie componenti della macchina.

Il primo pilota ad usufruire dell’Attack Mode è Sette Câmara che però non riesce a sorpassare molte vetture avendo un gruppo compatto davanti a lui. Qualche problema per Vergne, scalato decimo. Nel frattempo anche De Vries, Da Costa e Vandoorne decidono di usufruire del boost di potenza dato dall’Attack Mode. Grazie alla velocità ottenuta, De Vries torna subito in testa alla gara e Da Costa effettua un bel sorpasso su Di Grassi e Frijns.

Grande staccata di Vandoorne su Lotterer che porta il pilota Mercedes in terza posizione. Poco dopo anche Mortara passa Lotterer, sorpasso eseguito però facilmente grazie all’Attack Mode. Di Grassi il giro successivo ripete quello fatto dal compagno di squadra, lasciando la settima posizione a Lotterer. Da Costa deve difendersi da un aggressivo Mortara, alla caccia della leadership. Grande attacco anche quello di Di Grassi su Frijns.

La gara sembra accendersi negli ultimi 20 minuti, quando le diverse strategie cambiano il corso della gara per alcuni piloti a favore di altri. Mortara vicinissimo al leader De Vries fa registrare il giro veloce. Vandoorne prova ad attaccare Da Costa, non riuscendo però a superare il pilota della DS che insegue invece Frijns. Dominio di De Vries che riesce a staccare dal resto del gruppo pur mantenendo un’ottima percentuale di batteria residua. Eccellete la gestione gara delle due Mercedes, con Vandoorne ora quarto. A dieci minuti dalla fine la classifica vede la top 4 tutta motorizzata Mercedes, con Nyck De Vries seguito dalle due Venturi (motorizzate Mercedes) e Vandoorne quarto.

Negli ultimi 5 minuti di gara 5 piloti utilizzano il FanBoost, con De Vries che può quindi allungare ulteriormente il suo vantaggio su Mortara. Proprio grazie al FanBoost, Vergne riesce a superare Evans, recuperando la nona posizione. Vandoorne sale sul podio, superando Di Grassi per il terzo posto. Lotta a tre fra Da Costa, Rowland e Frijns, tutti e tre attaccati, con il pilota Envision che prova fino all’ultimo a passare Da Costa, quasi mandando la DS in barriera. 

Fonte: @NyckDeVries su Instagram

Vince a Berlino l’olandese campione del mondo Nyck De Vries su Mercedes EQ, seguito da Mortara (Venturi) e Vandoorne (Mercedes EQ).

Vandoorne e Mortara si trovano ai vertici della mondiale piloti con Vergne al terzo posto.

Prossimo appuntamento per la Formula E a Jakarta per il Round 9 il 4 giugno!

Martina Spinello

Laureata in Economia all'Università degli Studi di Padova e studentessa magistrale di Entrepreneurship and Innovation, seguo la Formula 1 da quando Schumi vinceva i mondiali con la Rossa. Affascinata dall'aspetto economico e politico che sta dietro al Motorsport, scrivo per Multiformula articoli riguardanti le dinamiche che muovono il Circus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto