Home » Formula 2 » Prema, che disastro!

Prema, che disastro!

di Alessia Di Virgilio e Sara del Mistero

Se pensavamo di assistere ad un weekend tranquillo e senza drammi tra le curve del circuito di Barcellona, non avevamo tenuto conto della strategia del team Prema Racing per le qualifiche di Formula 2. Ma cosa è successo sotto il sole del tardo venerdì spagnolo?

Il fatto

A 10 minuti dalla fine della sessione di qualifiche il team capitanato dalla famiglia Rosin era riuscito a piazzare Daruvala in pole position con un grande tempo sotto l’1.28, mentre Hauger si era migliorato e aveva concluso un buon giro mettendosi in quarta posizione. La strategia era chiara ed era riuscita (fino a quel momento)! Entrambi i piloti, infatti, erano usciti in pista prima di tutti gli altri per minimizzare il rischio di trovarsi in mezzo al traffico.

Rientrate tutte le macchine per il solito cambio tra primo e secondo stint, però, sicuri del tempo segnato, il team italiano ha deciso di non mandare in pista le auto per l’ultimo tentativo. Jehan e Dennis sono quindi scesi dalle loro monoposto per raggiungere al pit wall i propri ingegneri.

Non l’avessero mai fatto…

Prema
@Mark Thompson/Getty Images

Alla bandiera a scacchi…

Quando anche l’ultima monoposto ha tagliato la linea del traguardo prendendo bandiera, Dennis Hauger è precipitato in quattordicesima posizione mentre Jehan Daruvala si è visto togliere la pole position da Jack Doohan, dovendosi accontentare di un quarto posto. Non male vista la situazione del compagno di squadra, ma l’indiano ha molto da recriminare alla strategia perché la pole position era davvero alla sua portata.

Daruvala, però, si mostra comunque ottimista e abbastanza soddisfatto al termine della qualifica:

Le qualifiche sono andate abbastanza bene e sono state le migliori dell’anno per me. Non ho commesso errori, ho fatto due giri puliti e abbiamo deciso di fare il vuoto. È stato un bene perché siamo rimasti fuori dai guai e ho fatto un tempo decente. C’è ancora qualcosa da scoprire, ma sono abbastanza soddisfatto del mio giro. Partiremo in una posizione positiva per entrambe le gare e abbiamo il passo per ottenere buoni punti”.

Non è lo stesso per il compagno Hauger, che commenta così le sue qualifiche:

Una qualifica frustrante. Credo che Jehan abbia fatto un buon lavoro, mentre io ho faticato molto, soprattutto nelle curve ad alta velocità da percorrere. Devo analizzare meglio i dati per capire cosa è successo. Sarà una posizione difficile da cui partire per le gare. Con il degrado degli pneumatici su questa pista, possono succedere molte cose, soprattutto se abbiamo una buona partenza, ma non è certo questo il posto da cui si vuole partire“.

Cosa succede al team Prema?

In questa stagione non è la prima volta che il team italiano compie qualche errore durante una sessione penalizzando i propri piloti. Forse si esagera anche, ma da uno dei team più vincenti delle formule minori ci si aspetta sempre il 110% in ogni occasione. Siamo curiosi di vedere quale strategia adotteranno nelle gare del weekend, per cercare sicuramente di rimediare il più possibile agli errori commessi.

L’appuntamento è questo pomeriggio alle 17.40 con la Sprint Race e domani alle 11.35 per la feature Race!

Sara del Mistero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto