Formula 1
Le Pagelle: Gran Premio Del Portogallo

Le Pagelle: Gran Premio Del Portogallo

Vittoria per Hamilton, l’Alpine si riprende ma la Ferrari un po’ delude.

Domenica pomeriggio si è disputata a Portimão la terza gara del campionato di Formula 1 2021. Trovate qui di seguito le pagelle imparziali assegnate da noi che potete consultare in caso non siate riusciti a seguire il Gran Premio di Portogallo o se semplicemente siete interessati a conoscere i nostri giudizi. Potete anche recuperare qui con il nostro report cosa è accaduto più nel dettaglio durante il week-end.

Lewis Hamilton, Voto: 8,5

Dopo gli ultimi due risultati positivi dettati forse anche un po’ dalla fortuna, Hamilton dimostra ancora quanto meriti tutto ciò che negli ultimi anni ha ottenuto. Qualifica di poco inferiore al compagno di squadra, ma che gli costa comunque la perdita della 100ª pole in carriera. In partenza non supera Bottas e poco dopo viene oltrepassato dal rivale n°1 Verstappen. Riesce però a rimontare e quindi a portarsi a casa non solo la vittoria ma anche importanti punti per staccare ancor di più Max.

Valterri Bottas, Voto: 6-

Il poleman non riesce a mantenere in gara il vantaggio né sull’inglese, né tantomeno sull’olandese. Dopo la safety era ripartito in testa al gruppo ma è giusto qualche giro dopo che viene sorpassato da entrambi (e lui neanche ci prova a ricambiare). Verso la fine del GP lui e la squadra rischiano con un pit in più e questo ripaga perché ottengono loro il giro veloce. Ma solo perché quello di Max verrà poi cancellato.

Max Verstappen, Voto: 8

La battaglia contro Lewis per il titolo è ben visibile anche questo week-end (e si spera per tutti i prossimi a venire). Si sorpassano ambi due varie volte ma questa domenica la Mercedes era visibilmente più a suo agio. Peccato per i track-limits infranti che hanno poi causato la cancellazione del giro veloce e la perdita del punto addizionale.

Sergio Pérez, Voto: 7,5

Una pedina, ecco quello che mi è sembrato il messicano per tutta la durata della gara. Una pedina nelle mani della sua squadra, la Red Bull Racing. Perché è ormai noto che essa tenga a privilegiare il veterano Verstappen ed è palese che Pérez e il suo pit oltre il cinquantesimo giro siano serviti solo a rallentare la rimonta di Hamilton. Strategia che però, come si è visto, a poco è servita. La sua gara è però buona e la gestione delle gomme medium notevole.

Photo by Dan Istitene via Getty Images

Lando Norris, Voto: 7,5

Norris si riconferma uno dei piloti ad essere più maturati in confronto all’anno passato. Lui al momento è più costante e la sua McLaren è ancor più competitiva di quella dell’anno precedente. Se anche Ricciardo fosse altrettanto competitivo (gli lasciamo ancora qualche GP per ambientarsi) la McLaren sarebbe la terza potenza del mondiale senza ombra di dubbio.

Daniel Ricciardo, Voto: 6+

Dopo una qualifica molto deludente da parte dell’Australiano (che forse dimostra quanto stia faticando ad ambientarsi nella squadra papaya), durante la gara esegue invece una bella rimonta che lo porta in nona posizione ma pur sempre dietro al compagno di squadra.

Lance Stroll, Voto: 5

Aston Martin che resta sotto tono, soprattutto nel caso di Stroll che in qualifica non riesce ad arrivare al Q2. A differenza di Vettel però non retrocede ma recupera posizioni giungendo alla bandiera a scacchi quattordicesimo.

Sebastian Vettel, Voto: 5

Altro week-end modesto per il tedesco che, per la prima volta in Top10 alla partenza dai tempi di Silverstone 2020, non riesce nuovamente a concludere fra i migliori dieci. Conclude davanti al compagno di squadra, ma che comunque partiva alle sue spalle.

Photo by Clive Mason via Getty Images

Esteban Ocon, Voto: 7

Una qualifica niente male ma gara leggermente anonima per Ocon. In partenza Norris lo supera subito e per tutto il GP resta un po’ nel mezzo. Sul finale si riprende, forse spaventato dalla furia di Alonso e da tutti i suoi sorpassi. Conclude settimo.

Fernando Alonso, Voto: 7+

L’Alpine finalmente si riprende ma soprattutto lo fa Alonso. Partito tredicesimo attua una grande rimonta che l’ha portato poi a concludere in ottava posizione. Ancor più notevole il suo risultato se paragonato al compagno di squadra francese che sì, ha terminato il Gran Premio una piazza più avanti di Fernando, ma in partenza si trovava appena dietro a Sainz.

Charles Leclerc, Voto: 6/7

Qualifiche sotto alle aspettative ma una strategia in gara migliore rispetto a quella del compagno di squadra e che ha effettivamente ripagato. La gomma gialla usata per qualificarsi per il Q3 il sabato è tornata indubbiamente comoda alla partenza la domenica. La Ferrari più di così a Portimão non poteva puntare ma comunque un po’ delude.

Pagelle Gran Premio Portogallo
Photo by Dan Istitene via Getty Images

Carlos Sainz Jr, Voto: 6

Bella qualifica e sorpasso altrettanto bello su Perez in partenza. La safety ha aiutato a mantenere la posizione per qualche giro ma poi non c’è stato più nulla da fare. La gomma soft si è degradata e altrettanto ha fatto la gialla, montata per non si sa bene quale motivo. Strategia sbagliata ed ecco che in poco tempo si fa superare da troppe persone per poter concludere in zona punti questo week-end.

Pierre Gasly, Voto: 6+

Il francese partiva nono e durante la gara è stato superato grazie ai vari pit. La sua domenica procede in maniera statica per poi riprendersi verso la fine con la sua conclusione in decima posizione che ha lasciato Sainz a bocca asciutta.

Yuki Tsunoda, Voto: 5-

Escluso in Q2 il sabato, quindi forse penalizzato dalla partenza in griglia dalla settima fila, il giapponese domenica non si migliora, anzi. Durante il GP rischia più volte anche la penalità inflitta a chiunque non rispetti i track-limits.

Kimi Raikkonen, Voto: 2

Ma che ha combinato Kimi? Cosa pensava di fare distruggendo al primo giro l’ala e rischiando di compromettere (oltre la sua) la gara di Giovinazzi tamponandolo? Non sono errori che ci si aspetta da un pilota d’altri tempi come lui.

Pagelle Gran Premio Portogallo
Photo by Dan Istitene via Getty Images

Antonio Giovinazzi, Voto: 6+

Dite che dopo le prove libere saltate per far usare la sua monoposto al pilota di riserva Ilott l’italiano si sia spaventato? Perché nonostante non sia giunto in zona punti (e soprattutto nonostante l’urto con Raikkonen) l’abbiamo visto piuttosto sul pezzo durante la gara. Qualche sorpasso niente male.

Mick Schumacher, Voto: 7

Finalmente il giovane tedesco dimostra quanto, a differenza del compagno di squadra, meriti il suo sedile in Formula 1. Con una monoposto come la Haas (quindi assolutamente la peggiore in griglia) è stato in grado come al solito di stare davanti al russo, ma anche di sorpassare Latifi e la sua Williams.

Nikita Mazepin, Voto: 3

Ogni settimana potrei benissimo fare copia e incolla di ciò che dico su di lui. Ok, la Haas è terribile, ma lui ci mette proprio del suo a renderla ancor peggiore. Oltre a farsi quasi doppiare da Schumacher a parità di macchina, è stato pure in grado di interferire nella gara di Perez (in testa al momento dell’incontro) e beccarsi 5 secondi di penalità.

Pagelle Gran Premio Portogallo
Photo by Clive Mason via Getty Images

George Russell, Voto: 5-

Non mi aspettavo una gara così da te caro Russell. Qualifica grandiosa che per poco non ti ha portato in Q3 per poi farti invece oltrepassare praticamente da tutti durante il Gran Premio? Non è assolutamente ciò che vogliamo vedere.

Nicholas Latifi, Voto: 4

Finire alle spalle dell’inglese ventitreenne per lui non è assolutamente una novità, ma terminare pure dietro alla Haas numero 47 non è decisamente un vanto per lui. Con una Williams che ha dimostrato di essere nettamente migliore della squadra statunitense deve puntare un po’ più in altro il canadese.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: