Home » Formula 2 » Qualifiche di Monaco divise in due gruppi

Qualifiche di Monaco divise in due gruppi

Come cambiano le qualifiche nel weekend monegasco

Ormai, dal 2012, il format delle qualifiche a Monaco per la Formula 2 è ben diverso da quello delle altre gare, per evitare che le monoposto siano troppo ravvicinate e possano esservi troppi incidenti, essendo il circuito molto stretto. Infatti, il regolamento prevede che i piloti si dividano in due gruppi, A e B: in uno ci saranno tutte le monoposto di numero pari, nell’altro quelle di numero dispari. La FIA ha scelto questa divisione perché in ogni gruppo potesse esservi una monoposto per team.

qualifiche Monaco
ilsussidiario.net

Le sessioni dureranno 15 minuti per gruppo e chi otterrà il miglior crono in assoluto, consentirà a tutta la sua fila di posizionarsi a “destra” (quindi all’interno), mentre l’altra si disporrà tutta a “sinistra” (all’esterno). Ciò significa che, a parità di posizione, ad esempio la quinta, un pilota partirà dalla quinta piazza e l’altro dalla decima. Il secondo gruppo a scendere in pista potrebbe avere più vantaggio, grazie all’asfalto più gommato e la maggiore aderenza. Per tale motivo ci sarà un sorteggio per decidere chi correrà per primo. Ovviamente, per l’inversione della griglia nella Sprint Race saranno presi in considerazione unicamente i primi cinque tempi per gruppo.

Niente più giovedì

Quest’anno, però, le qualifiche di Monaco non si terranno più di giovedì, ma di venerdì. La FIA, infatti, ha deciso di abolire questa particolarità del weekend monegasco, rendendola un’occasione uguale alle altre. La lunga tradizione prevedeva che le prime due sessioni di prove libere si facessero il giovedì e che il venerdì fosse libero per la Formula 1, mentre per la Formula 2 ciò faceva sì che le prove libere e le qualifiche si disputassero il giovedì. Adesso, infatti, solo le prove libere saranno disputate il giovedì, per evitare che le sessioni di F2 e FRECA si incontrino.

qualifiche Monaco
Photo by Joe Portlock, LAT Images

Quest’uso derivava da una festa religiosa che, nei primi tempi, cadeva proprio nel weekend di gara: la festa dell’Ascensione. Siccome il venerdì era il giorno della processione, si decise di non far correre le monoposto quel giorno. Quest’anno, però, Domenicali ha annunciato che il format del fine settimana sarà uguale a quello degli altri appuntamenti.

Aurora Loffredo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto