Home » Formula 2 » Sprint F2: la gioia spagnola di Drugovich

Sprint F2: la gioia spagnola di Drugovich

Il brasiliano torna a trionfare a Barcellona, dietro di lui il primo podio di Iwasa e Sargeant

Sotto il sole quasi estivo di Barcellona va in scena la Sprint Race di Formula 2, gara che chiude il programma in pista del sabato.

Dopo la penalità di 3 posizioni inflitta dai commissari al termine della qualifica a Felipe Drugovich, pilota che avrebbe dovuto partire dalla pole position grazie alla griglia invertita, la prima casella è occupata da Calan Williams, seguito da Jake Hughes.

Al giro di formazione, però, il primo colpo di scena di questa Sprint Race: Williams stalla, rimanendo fermo al proprio posto e purtroppo è costretto a vivere un incubo, partendo dalla pitlane.

La partenza: capolavoro Drugovich, disastro Pourchaire

Allo spegnimento dei semafori è ottima la partenza dalla quarta piazza di Felipe Drugovich, che subito si impadronisce di ciò che gli era stato tolto dagli stewards ieri sera: la prima posizione.

Dalla terza casella, invece, Pourchaire fa pattinare le gomme e, dopo aver battagliato con Sargeant nelle prime curve finisce settimo, perdendo la possibilità di sfruttare la posizione di vantaggio. Nei primi giri, poi, assistiamo a delle belle rimonte di Doohan e Lawson costretti alle retrovie, mentre Nissany prende il cordolo e si gira, finendo 21esimo e compromettendo la sua gara.

Mentre Drugovich allunga e ipoteca sin da subito un’altra vittoria al suo ritorno a Barcellona, inizia una bella battaglia tra Iwasa e Sargeant, rispettivamente secondo e terzo, ma le posizioni rimangono invariate (e lo rimarranno fino alla fine della gara).

Ennesima delusione Vips

Passano pochi minuti e subito arriva il primo, e forse unico, colpo di scena dopo l’inizio della gara. Juri Vips perde la monoposto e finisce nella ghiaia, facendo entrare la safety car. Straziante l’immagine del pilota estone che scuota la testa, non credendo a quanto successo. Il suo errore, con conseguente DNF, pesa in classifica, purtroppo.

from @Formula2 on Instagram
Apparente tranquillità

Dopo il rientro della safety car al giro 9 e alla penalità di 10 secondi + stop and go per Cordeel (che perde ben 44 secondi in pit lane), Drugovich fa l’elastico che funziona, trascinandosi tutti dietro dopo la prima curva.

Solamente nelle retrovie, però, si ritrova un po’ di azione: Caldwell attacca Bolukbasi e Williams ci prova subito su Sato, poi Novalak passa Verschoor mentre arriva anche Hauger su di lui. Bolukbasi lotta poi con Williams, raggiunto anche da Nissany che anima la situazione fino a quel momento freezata.

Davanti, infatti, Drugovich allunga, mentre Sargeant gira sugli stessi tempi di Iwasa in seconda poszione.

Hughes scivola, scivola, scivola, scivola…

Dopo aver percorso 20 giri cercando di non perdere il trio al comando della gara, Hughes si arrende a un triste destino. Il degrado delle sue gomme è troppo per poter continuare a resistere agli attacchi dei colleghi dietro di lui. Infatti, Daruvala è il primo che passa Hughes all’inizio del giro 20, e subito dopo il pilota VAR viene raggiunto anche da Pourchaire che si trascina dietro Doohan. Theo lo supera con un bel sorpasso in curva 1 al giro 21, mentre Doohan sempre in curva 1 al giro successivo.

Hughes, ormai in grande difficoltà, si lascia sfilare dal trenino di piloti appena dietro di lui: prima Vesti, poi Fittipaldi con qualche rischio, poi Lawson e Armstrong in un colpo solo che ingaggiano addirittura una battaglia tra loro, seguiti da Novalak. Solo a questo punto Hughes rientra ai pit, arrendendosi.

Il podio

E’ Felipe Drugovich a tagliare il traguardo per primo, portandosi dietro Iwasa e Sargeant, entrambi al primo podio in carriera in Formula 2.

Per Felipe, invece, questa è la seconda vittoria sul circuito della Catalogna dopo il trionfo del 2020. Con essa, ora, il pilota brasiliano guida saldamente la classifica generale, pronto a un’altra grande gara domani per aumentare il distacco dai suoi inseguitori.

Grazie Felipe, grazie di esistere. Grazie a te e a tua mamma per averti fatto” esclama il suo ingegnere nel team radio e noi non possiamo fare altro che concordare con lui!

(Photo by Alex Pantling – Getty Images)

Di seguito, vi riportiamo i primi 8 classificati di questa Sprint Race che si sono aggiudicati i punti in palio:

  1. Felipe Drugovich
  2. Ayumu Iwasa
  3. Logan Sargeant
  4. Jehan Daruvala
  5. Théo Pourchaire
  6. Jack Doohan
  7. Frederik Vesti
  8. Enzo Fittipaldi

L’appuntamento ora è per domani mattina: la Feature Race ci aspetta!

Alessia Di Virgilio

Studentessa di Comunicazione all'Università degli Studi di Milano con una grande passione per la scrittura e il mondo dello sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto