I record del weekend
I record di Baku

I record di Baku

A Baku c’è un record dietro ad ogni angolo!

Due settimane dopo il round cittadino di Monaco, sono le strade di Baku ad accogliere nuovamente Formula 1 e Formula 2. L’infinito circuito cittadino in Azerbaijan non ospitava un round dal 2019 e anche quest’anno ha saputo regalarci spettacolo. Non sono mancati i numerosi record ovviamente. Scopriamoli assieme!

Formula 2

Iniziamo con la categoria cadetta che nella seconda sprint race di sabato ha spento le 100 candeline! In meno di 5 stagioni la Formula 2 è scesa in pista con 100 gare e sono stati 30 diversi vincitori a conquistarle.

Non possiamo non parlare del protagonista assoluto del round: Jüri Vips. Il pilota estone ha deciso di lasciare un segno enorme alla sua carriera in Formula 2 vincendo la sua prima gara nella categoria proprio nella seconda sprint race. Il segno indelebile di sabato pomeriggio non gli è bastato tanto che ha deciso di sottolineare, evidenziare e cerchiare ulteriormente il proprio nome domenica mattina. Con la vittoria nella feature race conquista back-to-back il suo secondo successo ed è il primo pilota in Formula 2 a conquistare due vittorie nello stesso round.

From: @hitechgp on Instagram

Non tutti i record di questo round sono del pilota estone però!

Il compagno di squadra Lawson si è imposto davanti a tutti nelle qualifiche del venerdì conquistando la sua prima pole position in Formula 2, mentre con la vittoria di gara 1 Shwartzman torna a vincere dalla sprint race del primo round in Bahrain della scorsa stagione.

Formula 1

Qualifiche

La sessione di qualifiche di sabato pomeriggio si è dipinta di rosso: tre bandiere rosse esposte ed una Ferrari in pole position.

L’autore della pole position è Charles Leclerc che conquista la sua seconda pole stagionale subito dopo la prima, la seconda stagionale per la scuderia di Maranello e la seconda durante bandiera rossa. Il suo tempo di 1:41.218 non batte, però, il record assoluto segnato da Bottas nel 2019 di 1:40.495.

From: @charles_leclerc on Instagram

Per la prima volta il rookie Yuki Tsunoda è entrato in Q3 e si è piazzato ottavo. La sessione purtroppo non è andata nel migliore dei modi a causa di un incidente che ha causato la bandiera rossa.

Un altro ottimo risultato arriva dal compagno di squadra Gasly: dopo Hockenheim 2019 e Imola 2020 il pilota francese conquista per la terza volta la quarta piazza, suo miglior risultato in qualifica.

Gara

Il Gran Premio di domenica pomeriggio ci ha regalato numerosi colpi di scena a partire da Max Verstappen che è stato costretto al ritiro dopo un inizio di stagione eccellente: in 5 gare il suo “peggior” risultato era stata la seconda posizione.

D’altro canto non è andata meglio ai suoi diretti concorrenti della Mercedes: entrambi i piloti fuori dalla zona punti. L’ultima volta che la scuderia tedesca tornava a casa a bocca asciutta era al Gran Premio di Spagna del 2016 quando sia Nico Rosberg che Lewis Hamilton si ritirarono. Dal lontano 2013 invece Mercedes non restava fuori dal podio per due Gran Premi di seguito (Bahrain e Spagna).

From: autosport.com – l’incidente che ha costretto Hamilton e Rosberg al ritiro nel 2016

Torna sul podio ed alla vittoria Sergio Perez con l’undicesimo podio ed il secondo successo in Formula 1. Ha inoltre raggiunto i 775 punti nella categoria regina ed allungato il distacco tra Red Bull Racing e Mercedes a 26 punti nella classifica costruttori.

È un ritorno al podio anche per Sebastian Vettel e Pierre Gasly.

Il pilota tedesco, dopo essere stato tagliato fuori dal Q3 per pochissimo, ha compiuto una gara tutta in risalita dalla undicesima casella. La sua gara si è conclusa nel migliore dei modi con il secondo posto, che costituisce il primo podio per la nuova Aston Martin. Il quattro volte campione del mondo ritorna a podio dopo Turchia 2020 e con 122 podi resta il terzo pilota di Formula 1 con più podi.

Dopo la vittoria a Monza, ha assaporato nuovamente il podio anche Pierre Gasly che raggiunge quota tre podi in carriera e continua a dimostrare costanza in questa nuova stagione.

Formula 4

Concludiamo spostandoci ad una categoria che non correva tra le strade di Baku, ma che ci ha regalato un importante record. In Gara 1, Hamda Al Qubaisi ha concluso in terza posizione ed è la prima donna ad andare a podio nella Formula 4 italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.